Utente 742XXX
Salve,
la mia situazione è la seguente; con la mia nuova partner abbiamo dei rapporti sessuali molto intensi e piacevoli, ma da parte mia mi rendo conto, dopo una serie di constatazioni, ci sia una difficoltà al raggiungimento dell'orgasmo senza implicare la masturbazione. A prescindere dal fattore psicologico dove ci sia eventualmente una più o meno accentuata attrazione sessuale asseconda del partner, mi chiedo se possano esserci fattori fisiologici da età o eventualmente problemi di "perdita di sensibilità" o altro.

Ho sempre avuto dei rapporti "normali" sottolineando effettivamente una mia certa longevita nelle prestazioni (anche 2 ..3 ore) ma ho avuto anche tanti rapporti brevissimi e molto intensi.

Non ho disturbi fisici attualmente di nessun tipo che possano interessare l'ambito sessuale, mi è stata praticata la circoncisione dall'eta di 10 anni per un problema di fimosi; è possibile appunto che durante gli anni abbia perso sensibilita al glande?

Altri dettagli sarebbero di natura psicologica come "gusti e fantasie" che non credo siano pertinenti alla mia domanda puramente fisioloogica che per il momento mi preoccupa possa influenzare i miei rapporti sessuali. Il fattore psicologico nei confronti del mio partner l'ho considerato... ma non vorrei metterlo in gioco in questa discussione.

grazie della cortese attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'orgasmo é una funzione di solito coincidente con l'eiaculazione ma distinta da essa,nel senso che si può eiaculare senza raggiungere l'orgasmo e godere senza eiaculare.Nel Suo caso mi sembra di capire che non eiacula né gode nel coito vaginale ed,a tal proposito,considerando che lo sperma é prodotto precipuamente dalla prostata e dalle vescicole seminali,ritengo che sia opportuna una attenta visita andrologica.Infatti,l'abitudine a prolungare oltremodo il rapporto sessuale,unita alla occasionalità dei rapporti sessuali,in quanto non convivente,può creare uno stato congestizio/infiammatorio delle ghiandole annesse all'apparato genitale che giustifica la sintomatologia riferita.Non darei molto peso alla pregressa circoncisione.Mi sembra che,considerato quanto sopra,si imponga una visita andrologica,prima che i dubbi sovrastino quanto maturato fino ad oggi in tema di armonia sessuale della coppia.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

molti maschi hanno una certa difficoltà, quasi impossibilità a raggiungere l'orgasmo e la eiaculazione con la stimolazione vaginale mentre devono ottenerli con una "più intensa" stimolazione manuale propria o della partner.
Devono sempre essere indagate le strutture prostato vescicolari, vescicali ( urologiche) coinvolte con il fenomeno della eiaculazione. ma quasi sempre non si "cava un ragno dal buco"
Potrebbe rivolgersi, a Sassari, al dottor Furio Pirozzi Farina Dirigente della Andrologia (Urologia) della Università che ha sempre studiato questi fenomeni
cari saluti