Utente 744XXX
Salve, Vi ringrazio in anticipo per l'utilissimo aiuto che date con questo servizio.
Ho 22 anni e al mare con la mia ragazza mi capita spesso di avere ripetute erezioni che chiaramente non sfociano in alcun rapporto sessuale.
Dopo alcune ore sento dolore, indolenzimento ai testicoli e in generale tutto lo scroto, con irradiamento nella zona vicino all'ano e nell'inguine.
Al tatto mi sembrano leggermente più caldi del solito.
Questo dolore diventa più lieve dopo l'eiaculazione(molto abbondante), ma lo scroto resta indolenzito per parecchie ore.
Il giorno dopo non ho quasi nessun dolore.
E' normale che queste erezioni alterne mi provochino questi problemi?
A 17 anni sono stato operato di idrocele ed ernia, ma non credo che dipenda da questo fatto.
Confidando in una gentile risposta da parte Vostra colgo l'occasione per porgerVi cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,considerando che i testicoli non producono nemmeno una goccia di sperma,sarei più propenso a pensare che le erezioni prolungate, non sfociate in una liberatoria eiaculazione, possano dar luogo ad una congestione delle ghiandole annesse all'apparato genitale(prostata e vescicole seminali) che sono indovate proprio nelle sedi dove Lei riferisce i sintomi.Inoltre,contrariamente a quanto afferma,le cicatrici relative ai precendenti interventi subiti per ernia ed idrocele,possono favorire i disturdi riferiti.
Come terapia,é ovvio che Le auguri una più "attiva e partecipata"
finalizzazione delle eccitazioni sessuali...Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2000
caro lettore,

come le ha già spiegato il dottor Izzo, specialmente in giovane età la semplice vicinanza ad una ragazza determina l'inizio dello stato di eccitazione sessuale che prevede la attivazione della prostata, delle vescicole seminali , delle ghiandole paaruretrali ed uretrali che dovrebbero produrre i liquidi lubrificanti per la penetrazione e il plasma seminale che dovrà essere espulso all'esterno con la eiaculazione. Tutta questa attività ghiandolare determina un certo, ingrossamento e ipervascolarizzazione di queste strutture che viene percepito dal giovane "eccitato" come un fastidio, un ingombro, specie a livello scrotale testicolare e perineale (la zona tra scroto ed ano) che si può risolvere con la eiaculazione
Cari saluti
[#3] dopo  
Utente 744XXX

Iscritto dal 2008
Perfetto, quindi rientra tutto nella normalità.
Grazie mille per la celere e cortese risposta.
Cordiali saluti.