Utente 813XXX
Egregi dottori, sono un pensionato di 70 anni che conduco una vita abbastanza attiva e con la passione della camminata in montagna. Da alcuni anni registro però un problema all’anca destra evidenziato dalla radiografia il cui referto vi trascrivo. Dalla lastra il dottore mi ha fatto notare una crescita sulla testa del femore che, per ora, non giustifica un’urgente artroprotesi.
27/4/2010 – RX ANCA DX E SX
Bilaterale appuntimento dei tetti acetabolari appena addensati. Iniziale riduzione dello spazio articolare a destra.

Ora però accuso da circa sei mesi un dolore al ginocchio della stessa gamba destra che si irradia lungo la parte inferiore della gamba fino a raggiungere il piede. Svariate cure ortopediche e fisioterapiche e laserterapia non hanno portato ad alcun miglioramento. Ora il dolore è diventato quasi invalidante tanto che durante una breve passeggiata sono costretto a fermarmi più volte a riposare.
Una recente risonanza ha dato il seguente referto:
31.3.2014 - RISONANZA MAGNETICA (senza)
Dati clinici/anamnestici: gonalgia persistente
Tecnica: esame eseguito con sequenze DP, TSE T2, GE T2 sagittale, DP fatsat coronale e assiale.
Non significativo versamento articolare.
A carico dei capi articolari femoro-tibiali e femoro-rotulei si evidenzia una riduzione diffusa dello spessore cartilagineo. Lungo la faccia articolare rotulea laterale è visibile un'area di denudazione cartilaginea con alterazioni degenerative di tipo edema e pseudocisti in sede sottocondrale. Si associano anche osteofiti ai margini dei capi articolari sul versante craniale del condilo femorale mediale.
Fissurazione centro-meniscale del corno posteriore del menisco mediale che raggiunge la faccia tibiale.
Normale il menisco laterale.
lntegrità e normale spessore ed intensità di segnale del legamento crociato anteriore e posteriore, del legamento collaterale mediale e laterale e del tendine del quadricipite e tendine sottorotuleo.

Secondo l’ortopedico, i dati del referto con il controllo al computer del dischetto dell’esame non portano a formulare una diagnosi precisa per cui mi trovo impossibilitato ad intraprendere un programma di cure.
Chiedo pertanto alla vostra cortesia di darmi qualche indicazione su quali potrebbero essere le cause e soprattutto le cure che potrebbero risolvermi il problema.
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Antonio Mattei
40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente
Dalla sintomatologia riferita la diagnosi può non essere univoca. Infatti anche una patologia della colonan vertebrale potrebbe dare gli stessi sintomi.
In questo caso è quindi fondamentale una visita ortopedica accurata volta a fare una diagnosi differenziale e successivamente ad impostare una adeguata terapia.
Cordiali saluti