Utente 256XXX
Buongiorno,
scrivo per avere un consulto (o meglio un consiglio) su come procedere a fronte del mio problema.
Un paio di anni fa ho iniziato ad avere episodi di dolore toracico che si irradiava al braccio e alla schiena. Preoccupato mi recai al pronto soccorso dove non trovarono niente. Successivamente feci Ecocardio, holter, e test da sforzo tutti negativi.
L'ultimo esame che mi è stato prescritto per escludere il tutto è una coronografia con liquido di contrasto.
La diagnosi non presentava particolari problemi, se non una frase: " possibile Plaque Burden di origine non costrittiva"... ma come si può scrivere POSSIBILE?? o c'è o non c'è... l'ultima frase diceva che alcune parti non si vedevano bene per probabile artefatto tecnico (???mah...).
Infine per togliere ogni dubbio consigliava una RMN cardiaca, che però il cardiologo ha pensato di non farmi fare perchè diceva che avere placche alla mia età (attualmente 29 anni) era molto molto difficile (se non impossibile).
Questa cosa mi è rimasta sempre in testa. Nel frattempo il dolore si alleviava, ma da circa un mese è ritornato tutto, forti fitte al centro del petto e nello stesso punto al centro della schiena (tra le scapole), che talvolta si irradia al braccio.
Questo fatto ovviamente mi preoccupa anche alla luce di quella diagnosi così approssimativa.
Cosa mi consigliate di fare? eseguire altri esami? rifare la coronografia?
Il dolore mi si presenta spesso a riposo e a volte sotto sforzo (non sempre, in alcuni casi sotto sforzo sento solo un lieve fastidio).
Grazie in anticipo
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Stella
32% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Se tutti gli esami cardiologici sono negativi, è possibile pensare che il suo sia un dolore neuropatico probabilmente originato a livello del rachide cervicale. Il dolore ischemico è di tipo gravativo, sordo, costrittivo, ma difficilmente a fitte. Se Lei non ha fattori di rischi specifici: ipertensione, diabete, iperlipemia, ipercolesterolemia, forte fumatore ecc; è poco probabile che abbia una patologia ischemica cardiaca che si manifesterebbe prevalentemente sotto sforzo.
Provi a fare una visita da un terapista del dolore per valutare l'ipotesi di un dolore neuropatico.