Utente 347XXX
Salve dottore, ho 18 anni appena compiuti, mi capita spesso di avere i battiti molto accellerati, l'ultima volta sono arrivata a 180 al minuto, quando avviene ciò avverto un dolore al petto come se fossi stanca e respiro con molta fatica, ma tutto ciò avviene senza un perché.. Pensa sia qualcosa di grave? Almeno tre volte a settimana mi succede anche di avvertire come un tuffo al cuore e mi hanno detto che sono le extrasistole, confido in una sua risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Potrebbe trattarsi di una tachicardia parossistica, ma bisogna fare una diagnosi.....se dura sufficientemente a lungo la prossima volta vada in PS in maniera che facciano un ECG durante l'accelerazione del battito.....o provi con un Holter ECG.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 347XXX

Iscritto dal 2014
Due anni fa ho già fatto sia l'ECG che l'eco cuore però non è risultato nulla avendolo fatto quando non avevo in atto questa tachicardia.. Quando c'è qualcosa che non va da questi esami risulta subito? Oppure ne andrebbero fatti altri più specifici?
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non sono esami che possono permettere la diagnosi di aritmie cardiache....solo l'ECG, se fatto però durante la crisi di tachicardia e non dopo la sua cessazione (e non sempre è facile), può essere diagnostico....In alternativa si può valutare l'indicazione a uno studio elettrofisiologico, ma a mio giudizio è prematuro....
Saluti
[#4] dopo  
Utente 347XXX

Iscritto dal 2014
Grazie mille per il consulto, cordiali saluti.