Utente 244XXX
Premetto che qualche anno fa mi è stata diagnosticata una pre-eccitazione ventricolare e che nelle prossime settimane mi sottoporrò a SEE a seguito di aritmie sperimentate di recente diverse da quelle che ho di solito, e che il cardiologo a cui le ho descritte ha interpretato come possibili fenomeni di fibrillazione atriale. Scrivo perché proprio in questi giorni ho potuto appurare l'effettiva esistenza di un sintomo di cui prima non ero certo, e vorrei capirne le cause e soprattutto capire se si tratta di un sintomo che dovrei immediatamente riferire al medico. Già da tempo mi capitava di avvertire nel dormiveglia mattutino la sensazione di essere tachicardico, però non appena mi svegliavo del tutto questa sensazione passava, non mi sentivo per niente fiaccato come spesso accade dopo una tachicardia e di conseguenza pensavo di aver sognato. Sia ieri che oggi invece mi è capitato di svegliarmi avendo ancora questa sensazione, e mi sono accorto che, sebbene toccandomi il petto o comunque osservando le sue oscillazioni io effettivamente abbia delle pulsazioni abbastanza accelerate, questo non si riflette assolutamente sulla frequenza del polso, che rimane invece perfettamente normale. In ogni caso pochi minuti dopo il risveglio cessa anche la tachicardia, e mi sento come se non ci fosse mai stata. A cosa è dovuto questo fenomeno?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Alle sue paure....
Si tranquillizzi.
Faccia lo studio elettrofisiologico programmato serenemente e avrà le risposte alle sue domande.
Saluti cordiali
[#2] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
Deduco quindi che non sia un sintomo preoccupante...sarei comunque curioso di sapere perché ad un battito evidentemente accelerato non si accompagni un conseguente aumento della frequenza del polso
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
....perchè evidentemente non è un battito accelerato (ma semplicemente una sua sensazione che le cose stiano così)...
Saluti
[#4] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
Quindi mi assicura che non esistono tachicardie non rilevabili dal polso? D'altro canto si tratta di una sensazione che sperimento da tempo, quindi non penso c'entri molto la mia preoccupazione per gli ultimi sviluppi. E comunque in generale riesco a rimanere abbastanza calmo in queste situazioni, prova ne è che riesco a sentirmi il polso e riconoscere che è perfettamente normale. Inoltre la sensazione che avverto al termine di queste mie strane tachicardie mattutine è la stessa che avverto quando terminano le mie tachicardia "standard", cioè proprio un stacco netto che separa la fine della tachicardia con la ripresa del battito regolare. Mi rendo tuttavia conto che si tratta di qualcosa di strano, e infatti non è ho mai parlato con il medico perché fino a ieri pensavo fossero soltanto mie sensazioni, e lei sembrerebbe confermarlo...la prossima volta che penserò si stia verificando questo fenomeno chiederò alla mia ragazza di auscultarmi il petto per vedere se sente quello che sento io, e in quel caso ci risentiremo :)
[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
La soggettività delle sensazioni che descrive e sopratutto la "discrepanza" tra cuore e polso mi spinge a confermarle quello che le ho già detto....comunque non capisco perchè insiste tanto....Dallo studio elettrofisiologico le ho detto che verranno fuori tutte le risposte a qualsiasi suo quesito ......
[#6] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
Non mi sembra di essere stato particolarmente insistente, e se lo sono stato non era mia intenzione...il mio quesito prescinde la mia situazione, volevo solo appurare se fosse possibile sperimentare tachicardie a cui non fa seguito un aumento della frequenza del polso e se si tratta di un sintomo particolarmente rilevante e indicativo da riportare al medico...a quanto mi pare di aver capito la risposta è no...la ringrazio
[#7] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
E' esatto...si tranquillizzi. Cordialità