Utente 204XXX
Buongiorno.
Vorrei esporre una mia perplessità, ossia:
riporto una considerazione di un cardiologo letta su internet: “L'ecocardiografia è una metodica insostituibile e fondamentale nella moderna cardiologia. Tuttavia, ha anche dei limiti e la necessità di cautele interpretative. I principali limiti sono la precisione ed il fatto che è una metodica "operatore dipendente". Questi sono limiti relativi per le misure lineari, come ad esempio la valutazione del diametro della radice aortica. Sono invece limiti che possono divenire critici nelle valutazioni delle aree e soprattutto dei volumi in quanto piccoli errori di misura lineare diventano significativi quando trasformati, appunto, nei rispettivi volumi. Si considera che la precisione dell'ecocardiografia nella stima dei volumi porti a variazioni, in più o in meno, del 10% circa. A questo si deve poi aggiungere l'esperienza e la bravura dell'operatore. Inoltre, un parametro come il volume telediastolico presenta variazioni fisiologiche: dipende dalla frequenza, da quanti liquidi una persona ha assunto, dalle condizioni ambientali, dalla terapia, etc. “…
Detto questo, la misurazione di un valore come la FE che, nell’ecocardiografia, ho letto, si ottiene con la formula ( VTD-VTS )/VTD x 100, come può non essere considerato molto relativo ?
Nel mio caso, dal 2010 al 2014, il mio volume TD è stato: 87 – 76 – 102 – 57 – 81.
E quello TS: 27 – 21 – 32 – 18 – 34. Variazioni che, in alcuni casi, sfiorano il 90% !
Perdonatemi in anticipo per queste considerazioni da semplice, volgare lettore dell’enciclopedia medica, ma vorrei capire…
Grazie per il prezioso contributo. Vi seguo da anni.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi purtroppo non c'è molto da capire....
Il collega ha perfettamente ragione, ma questo non vale solo per l'ECOcardiografia, ma per tutte le indagini che utilizziamo a scopo diagnostico e (Ahimè) anche per la terapia....L'operatore-dipendenza è un fattore inevitabile e fà la differenza perchè i risultati dipendenti da una terapia vengono influenzati da questo parametro e anche per la diagnostica i risultati in termini di falsi positivi (ossia la dimostrazione di presenza di un problema che invece nella realtà non c'è) e falsi negativi (ossia la dimostrazione dell'assenza di un problema che invece nella realtà è presente) è influenzata dall'esperienza dell'operatore.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
Caro Dottore,
La ringrazio per la risposta chiara, celere e cortese.
Mi aiuta a comprendere quanto possa essere difficile il lavoro di voi medici, professionisti ai quali, quando le cose vanno bene, si dice " E' il loro lavoro ", ma quando le cose vanno male, a causa di tante varaiabili come quella in questione, fioccanno denunce, senza che la gente comprenda che non siete Dio in terra.
Ecco perchè c'è un costante abbandono dell'attività ospedaliera pura, come dice il ginecologo che ha fatto nascere i miei due figli.
Buon laqvoro, di " cuore " !
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
La ringrazio per la comprensione....