Utente 350XXX
Salve,
sono una ragazza di vent'anni ed è da quando ne ho tredici che vado alla ricerca di un medico che ponga fine ai miei malesseri. Il problema principale però è che non si tratta di un malessere specifico, accuso gonfiore dello stomaco, coliche, reflusso acido e a volte anche reazioni cutanee, ma la causa di tutto ciò non mi è mai stata indicata, è stato sempre sminuito il tutto dai medici che ho consultato che lo hanno indicato tutte le volte come "stress" o semplicemente come qualcosa di momentaneo. Fatto sta che per ridurre il malessere mi sono ridotta a non nutrirmi più di tantissimi cibi (cibi contenenti lievito di birra, olio cotto, pasta, cioccolato, capperi...), non riesco a dormire la notte, mi sento affaticata, nervosa, depressa e sono stanca di ricevere soltanto porte in faccia, dal momento che il problema c'è ed è visibile. Ho effettuato una rettocolonscopia e non mi è risultato nulla, i test allergologici (2 anni fa) e non è risultato nulla... Non so cosa fare. Sono veramente disperata perché comincio a risentirne anche a livello psicologico. Vi prego di aiutarmi, indicarmi qualcuno della mia città (Palermo)...aiutatemi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Da quanto racconta sembra che manchi all'appello qualche accertamento importante (es. EGDS); se fosse anche una questione di "stress", sarebbe comunque opportuno escludere ogni possibile causa "primitivamente" organica; nel Suo caso particolare mi pare che sia dovuto anche solo per il rispetto di 7 anni di sofferenza.
Ma prima ancora di completare il percorso diagnostico, La inviterei a riflettere sull'effettiva utilità della dieta che si è imposta, considerata la persistenza di una problematica complessa («non riesco a dormire la notte, mi sento affaticata, nervosa, depressa» oltre al quadro originario di «gonfiore dello stomaco, coliche, reflusso acido e a volte anche reazioni cutanee») nonostante tale restrizione.
Saluti,