Utente 344XXX
Buonasera a tutto lo staff,mi presento,sono un ragazzo di 20 anni ,corporatura magra peso 65 kg e alto 178 cm,il mio problema principale è una fastidiosa tachicardia,tale disturbo mi ha portato ad effettuare nel giro di 4 anni,2 holter,vari ECG,eco cardio e test da sforzo,diciamo che la situazione è cominciata a 16 anni,dove per "gioco" ho iniziato a contarmi i battiti cardiaci,e all'epoca ne rilevavo circa 90-95 bm a riposo,feci appunto gli esami descritti prima,usciti nella norma mi applicarono un holter 24 h,e rilevarono una frequenza media di 93 bm,il cardiologo mi disse di stare tranquillo e non pensarci,ascoltandolo non gli ho dato piu peso a questa situazione,ho cercato di distrarmi ma la tachicardia non mi è mai passata,rifaccio un altro holter poco fa,è rileva una frequenza media di 88 bm,la mia tachicardia non è sempre frequente nel senso che raggiunge spesso i 100-110 bm dopo i pasti,e solitamente nei momenti di tranquillità rimane sugli 85-90,di notte la frequenza raggiunge spesso i 55 bm,e la mia preoccupazione e che tale tachicardia possa danneggiare il cuore,i miei compagni hanno pulsazioni piu lente delle mie e cio mi preoccupa ancora di piu,lei che ne pensa di ciò?
vorrei chiederle anche un altra cosa,ultimamente sto attraversando un periodo abbastanza stressante emotivamente,e mi è capitato piu volte di avvertire degli extrasistoli anche sotto sforzo,ad esempio l'altro giorno salendo le scale(avevo una frequenza sui 130-135 bm),ho avverito un battito saltato,ho eseguito anche un test da sforzo qualche mese fa,secondo lei gli extrasistoli sotto sforzo sono pericolosi?
grazie per la disponibilità e attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi, potrei sbagliare (ma non credo)....personalmente ritengo che tutto sia riconducibile ad uno stato ansioso che trapela in maniera abbastanza chiara dalle sue parole. Non è del suo cuore (e dei suoi battiti) che deve preoccuparsi, ma dell'ansia. Non la sottovaluti e se non riesce a dominarla da solo si affidi a un bravo psicologo.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 344XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio Dottore,per quanto riguarda gli extrasistoli che a volte vengono anche sotto sforzo (130-135 bm),lei ritiene che siano piu pericolosi rispetto a quelli a riposo?possono innescare aritmie?grazie ancora.