Utente 353XXX
Buongiorno,
Con la mia partner stiamo affrontando un percorso di Iui e visti i risultati negativi volevo chiedere un consulto su quale sia la quantità minima sufficiente di spermatozoi Veloci (progressiva rettilinea) e Normali per raggiungere il risultato. Ho sentito parlare di cifre diverse e volevo una conferma. Dal mio spermiogramma risultano infatti 80% velocità progressiva ma solo 2/3% forme normali. Il che significa il 1,6%/2,4% del totale capacitato risulta ok..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,altro è il riferimento numerico e percentuale dello spermiogramma,altro é quello degli spermatozoi capacitati e,infine,altra é la presunzione statistica del potenziale di fertilità espressa dai cosiddetti valori normali secondo i criteri consigliati dal WHO 2010.In buona sostanza,il concepimento é dato dalla capacitazione attuata dal muco cervicale della partner che,solo statisticamente,e non biologicamente,si correla con i dati degli esami.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 353XXX

Iscritto dal 2014
Sinceramente non capisco la sua risposta. Stiamo per forza parlando di dati statistici e nello specifico di un liquido seminale trattato per inseminazione IUI. La domanda, che ripeto a questo punto per altri medici che non debbano lasciare una risposta per forza con sfoggio di teorie a caso, è la stessa: quanti spermatozoi veloci rettilinei e normali servono, o è consigliabile avere, per procedere con una IUI ?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...la domanda era posta in maniera non chiara (Iui e non IUI).Comunque,aldilà dello sfoggio di fantomatiche teorie,confermo che non esiste un numero minimo per accedere con successo ad una IUI.Molto dipende dalla esperienza del fisiopatologo della riproduzione.Cordialità.