Utente 325XXX
Sono un ragazzo di 33 anni, capelli rossi e carnagione chiara. (Non so se i caratteri somatici incidono sul problema, ma ho notato che i rossi arrossiscono più facilmente degli altri.)
Sono sempre arrossito facilmente, ma negli ultimi tempi le vampate di calore sono accompagnate anche da improvvise sudorazioni sia alla fronte che in altre parti del corpo.
Premetto che non mi ritengo timido, anzi molti mi considerano molto socievole.
Il problema è che le frequenti vampate di calore e sudorazioni spesso mi portano ad evitare situazioni che possono provocare tali situazioni, ove perdo completamente il controllo di me stesso.
A volte penso che l’eritrofobia sia dovuta al fatto che spesso creo molte aspettative riferite ad attività che poi all’atto pratico non riesco a rispettare, oppure leggo che l’eritrofobia sia causata da fattori genetici o dallo stato infelice della persona.
In ogni caso, vorrei tanto risolvere questo problema, perché mi limita molto sia a livello affettivo che a livello professionale.
Ho letto tutti i possibili rimedi contro l’eritrofobia/iperidrosi facciale:

1.SPORT: allo stato attuale pratico footing, ma noto che dopo l'attività fisica tendo a sudare molto di più.
2.TRAINIG AUTOGENO. Ho praticato per circa due mesi il training autogeno insegnato da professionisti, ma con scarsi risultati.
Sto assumendo ultimamente un integratore a base di salvia, ma anche in questo caso non rilevo particolari miglioramenti.
Ho letto che l'intervento chirurgico potrebbe risolvere definitavemnte il problema. A tal proposito sarei contrario all’operazione, in quanto non garantisce al 100% il risultato desiderato e soprattutto temo molto la sudorazione compensatoria, oltre ad altri effetti non proprio gradevoli. Ciò che mi chiedo è che se dopo l’operazione la mia eccessiva sudorazione si riverserà su altre parti del corpo, o la sudorazione provocata dall’imbarazzo non uscirà proprio più?

Ho letto tuttavia che spesso si fanno 2 operazioni a distanza di tempo. Non sarebbe possibile fare un unico intervento nell'arco di 2 gg?

Inoltre, pensate che questo problema potrebbe sparire nel tempo senza fare interventi o cicli di terapie?
Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Claudio Andreetti
40% attività
16% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent.le utente l'intervento chirurgico di simpaticectomia garantisce alte possibilità di successo nel trattamento dell'eritrofibia/iperidrosi facciale (95% dei casi). L'intervento, sicuro e di breve durata se eseguito da personale qualificato, può essere eseguito in 1 tempo, in 2 tempi e in questo caso l'intervallo di tempo può essere di 24-48-72 ore oppure mesi, insomma come uno desidera. Ti devo però informare che la comunità scientifica ha ormai concordato che eseguire l'intervento in due tempi con un intervallo di circa 3 mesi garantisce i migliori risultati anche e soprattutto in termini di sudorazione compensatoria. A proposito di compensatoria: la letteratura scientifica ci dice che solo il 3% dei soggetti operati sviluppa una forma di sudorazione compensatoria e che di questi circa 1% presenta la forma invalidante con sudorazione generalizzata. A mio avviso fondamentale è la selezione del paziente candidato all'intervento. Alcuni elementi riscontrati all'anamnesi potrebbero controindicare l'intervento. Tra le terapie mediche molto efficaci nel prevenire o trattare la compensatoria abbiamo poi l'ossibutinina i cui effetti nel trattamento della compensatoria sono ben noti.
Un saluto
[#2] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottore, la ringrazio per il consulto fornito. Mi permetto di chiederle se il mio problema è esclusivamente psicologico o anche fisico, legato alla conformazione dei nervi. Inoltre, pensa che il mio problema possa passare nel tempo da solo? Ci sono dei modi o alimenti che possono ridurre la sudorazione? Grazie ancora per l'attenzione
[#3] dopo  
Dr. Federico Raveglia
24% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2014
Gent. utente, l'intervento di cui si parla viene da noi eseguito bilateralmente nella stessa seduta operatoria. La sudorazione compensatoria colpisce più spesso i piedi ed il dorso. Tuttavia prima di capire se l'intervento è' la soluzione adatta per lei, e' indispensabile una visita da parte dello specialista.
Cordialità