Utente 763XXX
Sono disperato
dopo una sciagurata iniezione (lo fatto altr volte senza problemi) mediante autoiniettore di una piccola dose di papaverina ho avuto una forma di priapismo che, per una serie di coincidenze negative non ho potuto affrontare in modo tempestivo, dopo alcuni giorni sono riuscito ad andare dall'urologo il quale mi diagnosticava, dopo visite e esami vari, la Fibrosi dei corpi cavernosi.Ora la situazione è questa: la "base" del pene presenta dei tessuti "morti" e duri (fibrosi) l'altra metà è sana. Secondo l'urologo l'unico rimedio sarà l'impianto di una protesi,anche se sto seguendo una cura per irrorare i tessuti assumendo 3 pasticche di viagra 100 mg a settimana (purtroppo non si denotano segni di miglioramento).
Visto che ho 42 anni, questa situazione mi ha distrutto, vi chiedo se e come affrontare l'impianto della protesi e che controindicazioni vi sono. Ho sentito parlare anche di un intervento atto a "rivitalizzare" i tessuti dei corpi cavernosi mi piacerebbe saperne qualcosa in più
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Moiso
28% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
presumo che a questa diagnosi il collega si giunto dopo valutazione clinica ed esecuzione di ecocoloDoppler penieno dinamico (cioè con iniezione di vasodilatatore). Il priapismo dopo l'utilizzo di papaverina è una complicazione possibile così come l'esito in fibrosi cavernosa e molto probabile se il priapismo non viene trattato tempestivamente. L'indicazione all'impianto di protesi peniena, dopo le valutazioni clinico-strumentali di cui ho detto, è sicuramento indicato e permette di ottenere nuovamente la possibilità di avere erezioni e rapporti sessuali ovviamente in manire differente ma altrettanto soddisfacente. I rischi dell'impianto protesico come le complicazioni devono essere attentamente discusse con il chirurgo andrologo che effettuerà l'impianto. Le consiglio pertanto di affidarsi a tale specialista, segliendo tra i colleghi della sua regfione che sono validissimi.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 763XXX

Iscritto dal 2008
Ringrazio tantissimo il dr Moiso
Ho effettuato ulteriori visite,purtroppo la diagnosi è confermata!
L'impianto della protesi è indispensabile
e mi sto interessando su dove e con chi effettuare tale "intervento" ma, spero di sbagliarmi, ho come l'impressione che intorno a questo c'è un pò di speculazione(forse perchè è un intervento che prevede un esborso economico consistente....)ed io non vorrei che il mio desiderio di risolvere in tempi brevi il problema mi porti a commettere errori, quindi chiedo a VOI indicazioni su strutture in Italia che mi consentono di essere sicuro
Mi è stato detto che con la fibrosi non devo far passare moltissimo tempo perchè rischierei di rendere difficoltoso se non impossibile l'impianto, è vero?
grazie