Utente 352XXX
Gent.li dottori,

da circa tre mesi avverto un dolore acuto e bruciante sopra il cuore. Di solito comprare a riposo, spesso nel sonno, e dura pochi secondi. A volte si associa a torpore e formicolio del braccio e del lato sinistro, dalla zona mandibolare al mignolo. Spesso si ripete nel giro di poche ore, poi sparisce per qualche giorno. Talvolta è associato al risveglio (o mi sveglio perché lo sento) e all'aumento del battito cardiaco. Raramente l'ho avvertito sul lato destro, ma con minore intensità ed estensione limitata.

Per intensità e localizzazione è diverso dal dolore da reflusso gastroesofageo, che di solito sento
al centro del petto, più intenso da sdraiata e irradiato alla schiena.
Gastroscopia ed ecografia addominale sono nella norma, a parte una lieve steatosi epatica.

Ho un lieve prolasso mitralico, con conseguenti extrasistole e tachicardia, soprattutto la mattina dopo colazione, o in occasione di sforzi, anche minimi, come salire le scale, o camminare a passo spedito. Il test da sforzo, durato meno di 5 minuti, conferma una ridotta resistenza allo sforzo. ECG, ecocardio e Holter non evidenziano altri particolari problemi, se non un PQ lievemente lungo.

La TAC ai polmoni indica esiti cicatriziali apicali e limitate zone enfisematose, ma non segnala intestiziopatia.

Gli esami del sangue sono generalmente nella norma, ad eccezione di: colesterolo totale (230-260), colesterolo HDL (60-80) e GGT (70-140).

Ho 54 anni e sono in menopausa da circa 12, con familiarità di menopausa precoce (madre e sorella) e problemi cardiovascolari (padre con ischemia e zio materno con infarto).

A parte Gaviscon o Riopan per il reflusso, di norma non prendo farmaci, se non omeopatici o erboristici.

Grazie, buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il dolore che lei riferisce, per tipo e durata, non pare certo di origine cardiaca.
Data la familiarita esegua un ECG sotto sforzo.
Se lei fosse bevitrice di alcoolici le consiglio di smettere, cosi come se lei fosse fumatrice ( ha segni di enfisema, gamma gr elevate, streatosi epatica, forte familiarita...)
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Grazie dottore,
non bevo perché non reggo l'alcool (mi gira la testa dopo un paio di sorsi di vino o di birra).
Ho fumato per una decina d'anni, tra i venti e i trent'anni. Tra i 25 e i 30 anni fumavo fino a tre pacchetti al giorno. Ma ho smesso completamente da quasi 25 anni.
Ho dimenticato di segnalare due altri aspetti, forse utili. Da un lato un'arteria ipoplastica (collo sx). Dall'altro la sospetta sindrome della vena porta, ipotizzata da un'epatologo, che mi ha consigliato una biopsia al fegato, perché a mia sorella è stata diagnosticata tale sindrome e i miei esami lo hanno indotto a sospettarne la familiarità. Tuttavia per ora non me la sento di sottopormi ad un esame così invasivo, sia perché l'ecografia addominale non rileva anomalie, sia perché non sarebbe comunque curabile.
Ho fatto l'ECG sotto sforzo un paio di mesi fa e non è emerso altro che una ridottissima resistenza (meno di 5 minuti). Consiglia di ripeterlo?
Grazie per la cortese attenzione, a presto
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ho parlato di fumo perche lei riporta enfisema alla TC.
Le ho chiesto degli alcoolici perché segnala streatosi epatica, ipercolesterolemia e gamma GT elevate.
.
Consiglierei di eseguire di nuovo un ECG sotto sforzo
Arriverci
[#4] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Gent.mo dottore,
poiché mi trovo in ferie al mare, penso dovrei recarmi al pronto soccorso per questo tipo di esame. Lo ritiene urgente, o pensa che possa farmelo prescrivere al rientro (tra una decina di giorni)?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non capisco che esame le abbia consigliato...ne' comprendo cosa sia questa fantomatica" sindrome della vena porta", a meno che quel medico di riferisse alla Sindrome di Budd Chiari.
Lo chieda al medico che le ha posto questa diagnosi, non certo carsiologica, tra l altro
La saluto
[#6] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Mi scusi, non ho specificato, ma riferivo all'ECG sotto sforzo che mi ha consigliato Lei
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La,prova da sforzo non si fa certo al Pronto Soccorso.
La programmi al suo rientro, in un centro cardiologico
Arrivederci
[#8] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Perfetto, mille grazie per la cortese e sollecita disponibilità.
Buona serata