Utente 349XXX
Salve a tutti e ringrazio anticipatamente per la risposta ch, spero, mi verrà data.
Allora parto inanzitutto col dire che mesi fa ero andato da un andrologo lamentando cali di erezione e mi disse di prendere cialis e che comunque era psicologico.
Dopoun mese di cialis, a cui rispondevo bene, i rapporti li avevo, pero erano particolari: il pene doveva essere costantemente stimolato e una volta iniziata la penetrazione, il pene diminuiva la durezza.. in una certa posizione, la cosiddetta " pecorina " ( scusate la volgarità ma è per far capire ) l erezione era comuqnue tale da consentirmi di avere il rapporto e, dopo un po di spinte, l erezione tornava al massimo.

Ora, una settimana fa con una visita mi è stato diagnosticato varicocele du 3 grado bilaterale.. è possibile fosse correlato? effettivamente, se è piu grossa la vena l arteria si schiaccia, no?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
non vi è alcuna correlazione tra la presenza del varicocele ed eventuali difficoltà di erezione.
[#2] dopo  
Utente 349XXX

Iscritto dal 2014
Ah ok.. e dei sintomi da me elencati prima, cosa mi sa dire?
ringrazio infinitamente.
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il varicocele non può determinare alcuna alterazione della erezione ma è frequente "la concomitanza" di varicocele ( dovuto ad una alterazione venosa) e difficoltà a ottenere una erezione rigida ed a mantenerla nel tempo in assenza di stimoli fisici diretti ( situazione dovuta spesso a cattivo funzionamento del sistema venoso del pene)-
Spesso nei giovani tali fenomeni vengono attribuiti a fattori "psicologici" ma poi vengono trattati con farmaci che dilatano le arterie del pene tanto da ottenere una erezione accettabile. In questo sembrerebbe evidente un controsenso diagnostico-tereapeutico.
Cerchi di affidarsi ad uno specialista andrologo che possa aiutarla a risolvere i suoi problemi erettili
Cari saluti
[#4] dopo  
Utente 349XXX

Iscritto dal 2014
Ringrazio inanzitutto di cuore anche il gentilissimo Dott. Pozza.
Volevo a questo punto esporle meglio il problema, e se gentilmente riesce a rispondermi, gliene sarei molto grato.
Il problema, dottore, è che anche se credo di avere difficoltà a mantenere un erezione senza stimolazione, col rapporto se effettuato nella posizione descritta sopra, anche se l erezione diciamo cala (80 % ) poi dopo un po ( nemmeno un minuto, senza mai diminuire a tal punto da precludermi la penetrazione ) torna al 100 % e riesco a fare di tutto.
Volevo chiederle cosa potrebbe essere, ansia o quant altro?
Anche perchè un andrologo mi ha solo rassicurato dicendomi che problemi venosi o altro non ce ne sono, ma che è solo psicologico.

Grazie infinitamente, e mi scuso se in una risposta ne approfitto per porre un altro problema, anche se comunque mi sembra collegato.

Grazie, saluti

Mattia