Utente 490XXX
Buongiorno, io e mio marito cerchiamo un bimbo da un anno. Io ho 38 anni e lui 43. Ha eseguito un primo spermiogramma dove le conclusioni erano "lieve astenospermia, marcata teratospermia". In particolare le forme normali erano il 5%. Dopo tre mesi (due con Profert) ha rieseguito lo spermiogramma presso un centro che ci hanno detto migliore. Il giudizio è stato "normozoospermia". In realtà le forme normali restano solo il 7%. Ho chiesto alla mia ginecologa che mi ha detto che fino al 5% è considerato normale.
Posso stare tranquilla o è il caso di rivolgerci a un andrologo?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

per la morfologia può stare tranquilla, se l'esame è stato fatto in un laboratorio dedicato ed aggiornato che segue le indicazioni date dall'OMS nel 2010 basta il 4% di forme che, con quella metodica, sono stati giudicati nella norma per dire che non vi è una teratozoospermia.

Detto questo si ricordi che sempre in presenza di un problema a riprodursi bisogna per il maschio consultare in diretta un esperto andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana; si ricordi sempre che un uomo non è uno spermatozoo e basta.

Comunque, se desidera avere altre informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna un’infertilità di coppia, può leggersi anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1446-antiossidanti-radicali-liberi-fertilita-maschile.html .

Un cordiale saluto.