Utente 357XXX
Buongiorno,
Devo sottopormi ad un intervento di settoplastica, e per tanto sarò sottoposto ad anestesia generale.
Ho fumato qualche sigaretta saltuariamente per 2 anni, e non fumo più da 3 mesi.
Dovrò dichiararmi fumatore al colloquio con l'anestesista?
Quali sostanze presenti nel fumo contrastano l'effetto delle sostanze anestetizzanti?
Premetto che non ho mai avuto nessun problema riconducibile al fumo quale tosse cronica o mancanza di fiato.
Buona giornata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Alongi
20% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2012
Buon giorno, può tranquillamente affrontare il colloquio con l'anestesista riferendo quanto descritto nella sua richiesta. Il fumo di sigaretta non contrasta i farmaci anestetici ma altera la funzione respiratoria attraverso alterazioni della clearance mucociliare e della diffusione gassosa alveolo capillare.
Se lei è stato un fumatore saltuario, fumando come dichiara solo qualche sigaretta, e ora ha smesso direi che può affrontare serenamente l'anestesia. Non credo data anche la sua giovane età che possa avere problemi particolari per quello che riporta nella sua richiesta.
Cordiali saluti.
Fabio Alongi
[#2] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per la risposta.
Avrei ulteriori curiosità. Mi chiedevo se ed in quale momento l'anestesista tiene in considerazione il fatto di avere a che fare con un fumatore. Ovvero, c'è qualche trattamento differente? Se si, in che occasione? Solo in caso di complicanze o anche in anestesia senza problemi? Sarò schietto. In famiglia abbiamo subito un lutto causato dal fumo, e per tanto, essendo l'anestesista un amico di famiglia, vorrei omettere il fatto e dichiararmi non fumatore. Mi chiedo quali sono i reali rischi a cui vado incontro. Dovrò affrontare un intervento di settoplastica. Cordiali saluti.