Utente 244XXX
La settimana scorsa mi sono sottoposta alla prima seduta di luce pulsata sul viso: basette, mento e sotto mento, guance e baffetti. La seduta è stata brevissima, un’unica applicazione dello strumento su ciascuna delle zone che ho citato. La potenza è stata tarata piuttosto bassa, perché ho fatto presente di avere una pelle molto sensibile alle cicatrici/scottature. Sono rimasta perciò assai stupita di non vedere il minimo arrossamento, neppure subito dopo la fine della seduta. Ma ciò che mi ha stupito ancor di più è stata la raccomandazione di non rimuovere i peli per 4 giorni, dal quarto giorno in poi mi hanno detto che posso riprendere la normale rimozione mediante ceretta-pinzetta. Mi hanno anzi consigliato di effettuare l’ultima ceretta circa 3-4 giorni prima della prossima seduta. Secondo voi è corretto? Cordiali saluti e grazie a chi vorrà rispondermi.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
gentile Utente,
il razionale della epilazione con luce (pulsata o laser) consiste nel fatto che la stessa possa essere in grado di provocare un danno termico alla struttura annessiale tale da impedire poi la sua ricrescita. Il pelo funge da "esca ottica" in grado di attrarre l'energia della luce, pertanto è indispensabile che esso sia in sede per poter rendere efficacie il trattamento. Se lei lo elimina con la ceretta l'efficacia sarà molto inferiore. Le estetiste possono utilizzare esclusivamente luce pulsata depotenziata, quindi è probabile che lo scarso rossore conseguente al trattamento possa essere secondario a questa considerazione. Viceversa i laser o le luci pulsate ad uso medico sono più potenti e certamente la seduta è seguita da un arrossamento più o meno intenso.
Cordiali saluti