Utente 268XXX
salve, in rete ho letto che si può distinguere una tachicardia di natura ansiosa da quella patologica semplicemente contando le pulsazioni e se il battito e ritmico oppure aritmico. in pratica se le pulsazioni non superano i 130, e la tachicardia inizia e finisce gradualmente, è probabile che sia di origine ansiosa. mentre quella patologica inizia e finisce bruscamente con battiti superiori ai 150 e a volte con aritmia.
se possibile volevo un vostro parere in merito.
grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
12% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Buonasera,
La tachicardia può avere diversa origine e due tachicardie anche con la stessa frequenza possono avere origini e significati prognostici molto diversi tra loro.cper distinguere i vari tipi di tachicardia è necessario indagare le caratteristiche della stessa e bisognerebbe documentarla con un elettrocardiogramma o holter.

Cordiali saluti
Alessandro Durante
[#2] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
grazie per la risposta.
ma un ECG nella norma che validità ha? lo so che non può prevedere infarti e aritmie, ma almeno va ad eliminare alcune cardiopatie? o meglio, solo con un ECG uscirebbero fuori determinate cardiopatie?
grazie.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
12% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Un ecg può escludere alcune determinate patologie ma non altre. Peraltro alcune patologie possono essere escluse con un ecg solamente in determinati momenti oppure in determinati stadi della storia clinica.

Saluti

Alessandro Durante
[#4] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
un ultima cosa se possibile. quando si ha una pressione massima tutto sommato nella norma intorno ai 120/130 mentre quella minima più alta in proporzione (85/90) ha un significato particolare?
la ringrazio