Utente 352XXX
Salve.
Il 17settembre vengo ricoverata per una miocardio-pericardite.
All'eziologia non si e' ancora giunti, ma i controlli fatti fin'ora non evidenziano danni particolari al muscolo cardiaco e alle funzioni di pompa se non fosse per una lieve ipocinesia/dissinergia del setto interventricolare, che forse potrebbe migliorare.
Assumo cardicor 1.25 al mattino, ho 23 anni.
A tre mesi dall'evento acuto posso concedermi una birra?
C'e' da dire che fumo, anche se poco, rispetto alle venti sigarette di qualche mese fa.
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se lei fuma a 23 anni ha paura di farsi una birretta di tanto in tanto?
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Da qualche parte qui su internet ho letto che un cuore dopo la miocardite e' piu sensibile di un cuore sano. E' vero? Oppure una volta appurata la fine dell'infiammazione e l'eventuale integrita' morfologica e funzionale puo' essere considerato un cuore "normale"? La ringrazio dell'attenzione.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il l termine sensibile non ha alcun senso.
Dipende molto dalla reazione del cuore all infezione virale : dove c è stata l infezione a volte si forma tessuto cicatriziale che compromette la funzione venteicolare sinistra con evoluzione in cardiomiopatia dilatativa ; altre volte il cuore guarisce perfettamente.
Certo è che su uno fuma.....
Arrivederci