Utente 368XXX
Salve, vorrei chiedervi alcune informazioni riguardo al tumore, una carcinosi peritoneale, contratto da mia madre (48 anni).
Informandomi ho scoperto che la carcinosi deriva nella quasi totalità dei casi da un altro tumore, questo però non è il caso di mia madre, che invece afferma che la carcinosi sia venuta per causa ereditaria, in quanto alcuni suoi lontani parenti sono morti di questo male. E' corretto quindi parlare di mesotelioma peritoneale?
A mia madre è già stata fatta una citoriduzione parziale circa un anno fa, adesso va avanti con la chemioterapia che però, stando a quanto ho letto, non ha alcuna possibilità di far scomparire il tumore. In rete ho letto di alcuni metodi atti a migliorare la situazione, io però chiedo delucidazioni (quando ne avrò l' occasione parlerò anche col medico di mia madre) a voi nella speranza di trovare finalmente qualcosa che debelli in via definitiva questo malanno.
Vi ringrazio in anticipo per aver letto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, la carcinosi peritoneale è un investimento da parte di un tumore primititivo insorto in un altro organo del peritoneo, quindi solitamente una patologia tumorale in stadio avanzato. Il mesotelioma peritoneale invece è un tumore primitivo a partenza dal peritoneo, quindi in uno stadio evolutivo non necessariamente avanzato pur comunque essendo una forma neoplastica aggressiva. Si affidi all'oncologo con fiducia e segua le sue indicazioni.
Cordiali saluti.