Utente 920XXX
a mia madre 75 anni, dopo aver effettuato "ecografia ed ecocolor doppler" per sistema arterioso , prova fisica tronchi sovraortici ha conseguito la seguente diagnosi:

sistema venoso:

-pervi gli assi del circolo profondo e superficiale bilateralmente
-assenti echi endoluminali patologici con vasi normocollassabili dell'esterno
- a livello delle giunzioni safeno femorali e safeno poplitee non si è evidenziato la presenza di reflusso venoso dopo la manovra di Valsava
-lieve ritardi di chiusura dell'ultima valvola femorale bilater.
-insufficienza ed ectasia tronculare delle safene interne rifornite das grosse collaterali di gamba e coscia insufficienti.

Sistema Arterioso
-gli assi arteriosi deglia rti inferiori appaiono regolari per calibro
Destra:
-diffuse ed irregolari placche fibrocalcifiche lungo tutto l'asse femoro-popliteo-tibiale con stenosi multiple segmentarie al 75% sulla femorale superficiale che si subocclude a livwello del canle di hunter
-profili velocimetrici monofasici, post-stenotici lungo l'asse polpliteo-tibiale
-occlusa e riabitata la tibiale posteriore nel tratto distale
Sinistra:
diffuse ed irregolari placche fibroclacifiche lungo tutto l'asse femoropopliteotibiale la maggiore delle quali localizzata a livello del trato medio della femorale superficiale determina una stenosi emodinamicamente significativa
profili velocimetrici monofasici a valle

Conclusioni
ARTERIOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI AL II STADIO FONTAINE
INSUFFICIENZA VENOSA II CLASSE CEAP
LIEVO ISPESSIMENTO INTIMALE
DISLIPIDEMIA MISTA

Mia madre è inoltre un soggetto iperteso

LA CURA è:

Trental cpr 600 1 cp
clexane 4000 ul 1 fiala sottocute a giorni alterni
nebilox 1/2 capsula
torvast 20 mg 1 cp
Pantecta 20 mg 1 cp
blopresid 1 cp

mia mamaam ha iniziato da 5 giorni la cura , ma sembra avveritre forte malessere ( "Un senso di ristrettezzza alla testa e senso di stordimento) quando assume la Trental.


Le mie domande sono.

COME VIENE VALUTAO IL QUADRO GENERALE?

LA CURA PUO' ESSERE D'AIUTO? O SI PUO' AGGIUNGERE/TOGLIERE QUALCHE FARMACO

ESISTONO ALTRI ESAMI DA FARE?

CI SONO RISCHI?

IL TRENTAL PUO' ESSERE SOSTITUIO F DA UN FARMACO CON MENO EFFETTI COLLATERALI? ( IL MEDICO DI BASE HA DETTO A MIA MADRE CHE L'EFFETTO STORDIMENTO , RISTRETTEZZA ALLA TESTA E ABBASSAMENTO DELLA PRESSIONE è "NORMALE)


grAZIE PER LA vS. CORTESE RISPOSTA

ANGELO ANTONUCCI



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimiliano Zaramella
24% attività
0% attualità
12% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Egr. Sig. Antonucci,

sarebbe indispensabile saper di quali disturbi soffre esattamente la mamma per risponderle in maniera corretta.
Ha dolori alle gambe? da ferma o camminando? ha lesioni ai piedi?
Inoltre ha eseguito un ecocolordoppler?
cordiali saluti
Dr. massimiliano zaramella
specialista in chirurgia vascolare
[#2] dopo  
Dr. Massimiliano Zaramella
24% attività
0% attualità
12% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
mi sono accorto di non aver specificato:
alla domanda se ha eseguito un ecocolordoppler intendevo dei tronchi sovraortici (carotidi e vertebrali).
dr massimiliano zaramella
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Scrivano
24% attività
0% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
la valutazione del quadro genrale di solito si basa su dati clinici; l'esame strumentale è solo un tassello del mosaico che costituisce la valutazione. In particolare, la dizione "II stadio di Fontaine" fa riferimento ad una valutazione clinica (in pratica, vuol dire che Sua madre ha una claudicazione intermittente), ma tale valutazione è assolutamente indipendente dall'esame ecocolorDoppler, che può, semmai, evidenziare la localizzazione e l'estensione dell'arteriopatia, ma non la rilevanza sul piano clinico.
Riguardo alla "II classe CEAP"...è sicuro che sia scritto proprio in questi termini? La classificazione CEAP prevede una sorta di stadiazione che riguarda sia la condizione anatomica, sia quella fisiopatologica, sia quella clinica, nonchè l'eziopatogenesi. Pertanto, la classificazone CEAP di malattia venosa prevede l'espressione sotto forma di lettere (per l'appunto, C, E, A e P) ognuna delle quali dovrebbe essere seguita da una lettera o da un numero. Quindi, "II classe CEAP" non significa nulla.
Riguardo alla domanda se la cura possa essere d'aiuto...bè, di solito lo scopo della cura è proprio quello di essere d'aiuto. Ciò che posso aggiungere è che solitamente, nelle patologie arteriose, è prassi comune somministrare un'antiaggregante piastrinico, piuttosto che eparina.

Non credo che sua madre necessiti di altri esami relativamente all'arteriopatia, se non una visita Cardiologica ed una valutazione del metabolismo glicidico; gli altri fattori di rischio sembrano essere stati, in linea di massima, valutati, e cercare cause meno frequenti di arteriopatia (ad es. omocisteinemia) in un soggetto di 75 anni ha poco senso.

Un'arteriopatia al II stadio di solito non pone rischi immediati; i rischi su un intervallo di tempo più lungo sono difficilmente valutabili sulla base dei dati che Lei fornisce. Tenga presente come l'ecocolorDoppler arterioso sia fondamentalmente un'ecografia, e quindi fornisce dati di tipo prevalentemente morfologico. Una valutazione funzionale richiederebbe la valutazione almeno dell'ABI (che è praticamente quello che una volta si chiamava indice di Winsor, quest'ultimo espresso in percentuale), o una pletismografia, o una valutazione transcutanea della pressione parziale di ossigeno.

Riguardo al Trental, questo è un'emoreologico, e cioè abbassa la viscosità apparente del sangue. L'effettiva utilità della sua somminstrazione è sempre dipendente dalla situazione clinica e non dal risultato di un esame strumentale; tenga comunque presente che i dosaggi consigliati sono doppi di quelli prescritti a Sua madre (1200 mg/die).
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 920XXX

Iscritto dal 2005
Gentili dr. Zaramella e dr. Scrivano,

grazie per la vostra attenzione.

1-Per il dr. ZARAMELLA: devo dire che mi a madre non ha lesioni ai piedi, però avverte , a volte, un senso di stanchezza sotto la pianta del piede piuttosto accentuata( avolte si è bloccata a camminare) per cio' che concerne ecocolordoppler ho già scritto tutti i risultati degli esami nella mia prima richiesta.

2-Per il dr. SCRIVANO: gli esami che le riporto sono quelli che lei ha letto. Le volevo comiunque chiedere se c'era un farmaco sostitutivo al Trental che a mia madre porta i disturbi che le ho detto ( spossatezza, senso di restringimento all'altezza della nuca, senso di stordimento) prendendone solo 600 mg al giorno.

Grazie e Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Massimiliano Zaramella
24% attività
0% attualità
12% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
sarebbe opportuno mi riucisse a specificare se il motivo per cui deve arrestare la marcia sono dolori crampiformi al polpaccio o ai piedi e dopo quanti metri di marcia insorgono.
tra gli esami da Lei elencati non vedo un ecocolordoppler dei vasi sopraaortici, se non l'ha eseguito glielo consiglio perchè vista la patologia a carico delle arterie delle gambe andrebbe escluso un interessamento delle carotidi che può rimanere silente e asintomatico.
Per ciò che riguarda il Trental non è detto sia indispensabile (dipende dai disturbi)un'alternativa potrebbe essere il Loflyl Plus 1 cp al giorno o il Dromos 500 mg.
Per ciò che concerne la patologia venosa (insufficenza venosa superficiale) Le consiglierei l'uso di calze elastiche (sino all'inguine o collant)di I° classe di compressione.
Cordiali saluti,
massimiliano zaramella