Utente 370XXX
Mia figlia (7 anni a febbraio 2015) pratica tennis da un anno (1-2 volte alla settimana).
In occasione della visita pediatrica per l'attività sportiva NON AGONISTICA la pediatra ha prescritto ECG, e il referto evidenzia "ritmo sinusale con aritmia sinusale", ripolarizzazione ventricolare nei limiti".
La pediatra ha richiesto un consulto cardiologico per questa aritmia sinusale.
E' un fatto fisiologico o richiede terapie? Mia figlia deve sospendere la pratica sportiva?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
L'arimia sinusale non è una vera e propria aritmia, se la definizione utilizzata è riferita all'aritmia "respiratoria". Si tratta cioè di modifiche del ritmo solo apparenti e indotte dagli atti respiratori, che non assumono alcun significato patologico.
Questo ovviamente non controindica l'attività sportiva.
Cordialità