Utente 352XXX
Gentilissimi dottori

Per diverso tempo sono andato in paranoia perché durante i rapporti avevo problemi di erezione e di eiaculazione. Ho pensato a tutte le cause possibili, dalla scarsa attrazione per la partner, a terapie per l'ansia che ho seguito, a pornodipendenza,

Ho cercato di capire se vi fosse solo una componente psicologica, o una fisica, e ho fatto dei controlli ormonali da cui risulta tutto ok

(Ci sono alcune mie richieste precedenti in cui ho toni a dir poco disperati ed a cui Voi avete professionalmente e pazientemente risposto e di cui Vi sono grato)

Ma stavo riflettendo su una questione fisica che pensavo fosse normale ma forse tanto normale non è.

1. Durante la masturbazione la pelle del prepuzio ricopre il glande lasciando scoperto solo il meato ed un disco di poco più di 1 cm di diametro grossomodo metà del diametro massimo del glande o anche meno.

2. Se provo a scoprire il glande in erezione, la pelle tira molto e arrivo a scoprire poco più di metà del volume. Il glande diventa rosso o rosso scuro e sento dolore come di lacerazione sulla pelle in tensione e si blocca finché il pene non torna a riposo.

3. Al coito le cose vanno ancora peggio. Tentando la penetrazione a glande coperto. O si scopre, ed al dolore della pelle stretta si aggiunge quello del contatto del glande con le pareti vaginali, o non si scopre (raro credo) e li forse sono state le volte che sono riuscito ad eiaculare durante i rapporti.

4. A rapporto ultimato sento all'estrazione un fastidio-dolore alla corona.

5. I rapporti orali lo stesso. A glande scoperto ogni contatto mi da i brividi ma non di piacere. Di fastidio.

Ho sentito che si tratta di fimosi, probabilmente non serrata e congenita, e che con la circoncisione si può risolvere. Solo che ho anche letto che la perdita di sensibilità ritarderebbe i tempi, e si consiglia nei casi di eiaculazione precoce. Siccome io non soffro di e.p. anzi molto ritardata e spesso non eiaculo proprio (magari a causa della fimosi) non vorrei che la circoncisione, vivisto che mi è stato asportato il frenulo, mi peggiorasse le cose.

Volevo Vostri pareri in merito.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

Quando il prepuzio è più stretto del glande si parla di fimosi. Si parla di fimosi non serrata quando non si riesce a scoprire il glande a pene eretto o ci si riesce solo parzialmente e questo sembra il suo caso. Sconsiglio la forzatura nello scorrimento perché potrebbe provocare un ulteriore danno dell’elasticità del prepuzio e quindi un peggioramento, mentre è consigliabile l'intervento di circoncisione che non dovrebbe aumentare i suoi tempi eiaculatori.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio dottore mi ha molto tranquillizzato. Prima possibile prendo contatto con uno specialista per la visita. Le auguro buona serata.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe La Pera
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile a Utente,
Generalmente la circoncisione non dovrebbe aumentare i tempi di latenza eiaculatoria. Se però lo. scorrimento della cute del pene è un problema a mio avviso va fatta in primo luogo una diagnosi che ovviamente va affrontata con il proprio medico di fiducia. Una volta fatta la diagnosi si può Ragionare su cosa fare e considerare i vantaggi o gli svantaggi di un intervento o del non operare . Potrebbe essere più semplice di come la descrive come invece potrebbe esserci un restringimento del canale prepuziale . La visita e l'esame obbiettivo con il suo Andrologo di fiducia potranno sciogliere le sue preoccupazioni.
Mi tenga aggiornato
[#4] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Grazie Dott. La Pera. A suo tempo io chiesi allo specialista che mi operò (lo concordammo con la mia ragazza di allora) dal momento che sentiva un certo fastidio perché la penetrazione avveniva spesso a glande coperto e duravo molto, di eseguire la circoncisione. Mi disse che era sufficiente la rimozione del frenulo. Il risultato è stato che il fastidio per lei rimase, e non ricordo miglioramenti sui tempi (ossia più corti).

Però ho potuto constatare che i rapporti con altre partner anni dopo sono stati sempre senza eiaculazione. E accompagnati dalle importanti sensazioni di dolore e fastidio di cui ho parlato sopra. Se il coito fosse meno doloroso magari riuscirei a godermelo meglio. Mi ero quasi rassegnato all'idea di coiti senza eiaculazione.
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Probabilmente la diagnosi del primo specialista non fu molto azzeccata, infatti la sola frenulectomia non migliorò la sua situazione mentre se effetivamente il prepuzio non riesce a scorrere sul glande, in condizioni di rigidità, e la visita conferma una fimosi non serrata, la cosa migliore è l'intervento di circoncisione.

Ancora cordialità