Utente 371XXX
Salve,
Più di venti giorni fa sono stato operato e mi è stata asportata una cisti sinoviale al dorso della mano sx. Dopo 14 giorni, durante i quali il polso e la mano sono rimasti relativamente fermi, mi sono stati rimossi i punti, ma ho notato di non riuscire a estendere o flettere completamente la mano e inoltre ho riscontrato la presenza di una protuberanza dura, una sorta di "vulcano" in corrispondenza della cicatrice. Non credo si tratti nuovamente di una cisti, visto il poco tempo trascorso e anche per il fatto che prima che me la asportassero potevo chiaramente notare che i tendini delle dita passavano al di sopra di essa, mentre ora li vedo scomparire al di sotto della protuberanza dura. Il mio è un caso anomalo oppure si tratta del normale decorso post-operatorio? Ho bisogno di saperlo per effettuare eventualmente altre visite e per non perdere ulteriore lavoro. Mi è stato detto che in 15-20 giorni sarei tornato ad utilizzare la mano.
Ringrazio anticipatamente per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

una certa rigidità nella flesso-estensione del polso è normale nelle prime settimane, ma molto dipende dal tipo di riparazione che è stata fatta all'origine del peduncolo del ganglio artrogeno (si tratta di un'ernia dell'articolazione).

Non conosco tali dettagli, per cui non posso darle risposte esaurienti.

Dovrebbe farsi rivedere dal suo chirurgo tra una o 2 settimane.

Buona giornata.