Utente 540XXX
Salve,
vi porgo una domanda a scopo informativo.
A vostra informazione potete leggere la mia storia clinica alla mia utenza.
Qualche giorno fa mi sono fatto visitare da un prof. specialista in andrologia e urologia, dermatologia e venereologia con decenni e decenni di esperienza nel settore e al riguardo del mio incurvamento congenito del pene e alla mia ipersensibilità ( persistente anche dopo 1 anno dalla postectomia ) mi ha chiaramente consigliato due interventi; quello di corpoplastica e quello di neurotomia.
Ho molte informazioni riguardo le operazioni, ma purtroppo ci sono poche voci in giro che spiegano le conseguenze o ad esempio esperienze. Volevo quindi chiedervi innanzi tutto se questi due tipi di intervento si posso fare anche in ospedale anzichè in cliniche private,soprattutto per evitare l'oneroso costo che richiedono(anche perchè non saprei come permettermelo) e a che livello di specializzazione sono queste tecniche in italia, se posso stare tranquillo e senza preoccupazioni di complicazioni. grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

una curvatura dell'asta dovrebbe essere corretta mediante una corporoplastica se è tale da creare rilevante disagio alla penetrazione, (veda alcuni esempi su www.andrologia.lazio.it).
La ipersensibilità locale, se è causa di eiaculazione precoce, può essere gestita anche con farmaci. La neurotomia superselettiva è una modalità ma non è sicuramente la "panacea"
Ad Ancona potrà sicuramente trovare strutture pubbliche a cui rivolgersi per un parere ed un eventuale intervento
cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

la neurotomia è un intervento molto controverso; i rischi sono o di non risolvere il problema o di sviluppare una perdita eccessiva ed irreversibile della sensibilità del pene.