Utente 372XXX
Buonasera,

Circa una settimana fa sono stato a una visita urologica causa dolore al dorso del pene: su di esso si sta formando un cordoncino duro e fibroso che rende dolorosa e difficile l' erezione.

L' urologo mi ha confermato un'infiammazione della placca peniena e prescritto un mese di astinenza dal sesso (con la mia fidanzata lo facevamo quasi ogni giorno).

Allo stesso tempo mi ha prescritto 10 giorni di trattamento con Nimesulide e 3 mesi di assunzione di vitamina E.

Ho seguito la cura, ma il disagio permane e, anzi, peggiora di giorno in giorno.. Il pene risulta sempre più curvo e le erezioni spontanee sono rare e difficoltose.

L'urologo si è raccomandato di astenersi dal sesso, altrimenti lo patologia potrebbe degenerare in induratio peni plastica.

Visto il rapido peggioramento sto cercando di attivarmi per un secondo consulto,ma i tempi sono lunghi, e spero che qui possiate darmi un secondo punto di vista.

Grazie, saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
le possibilità terapeutiche di Peyronie sono alquanto controverse, ma attualmente esiste consenso su quelle che sono chiamate terapie multyimodali: con cocktail di farmaci, anche per iniezione intraplacca. Utile sempre ecodoppler dinamico del pene (con iniezione di vasodilatatore) per stabuilire le rali dimensioni della placca.