Utente 318XXX
Gentili Dottori ho inserito lo stesso consulto nella sezione cardiologica/Angiologica e ora vorrei un parere anche da voi se fosse possibile , Già da qualche anno ho notato un gonfiore cioè come se fosse una bolla d'aria sottocutanea, la noto a circa 15cm sopra il malleolo sullo stinco sinistro , la si nota anche se sto in piedi e carico un pò lo stinco piegandomi in avanti, sto notando che se sto in piedi dopo un pò mi da fastidio quel punto e le zone limitrofe , avverto la sua presenza , questo gonfiore , insono un tipo che fa palestra e cammna molto a piedi ma questo gonfiore che si presenta morbido al tatto ma non come una cisti vorrei sapere se potrebbe essere qualcosa di muscolare o di vene/arterie , se sto in piedi fermo tende a darmi abbastanza fastidio , negli ultimi mesi sto avvertendo fascicolazioni o comunque tremori e vibrazioni dalle ginocchia di entrambe le gambe a venir giù , e particolarmente nei polpacci
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Come Le è stato già detto, non è assolutamente possibile stabilire a distanza di cosa si tratti, solo leggendo le Sue descrizioni. Aggiungo che se avverte una "bolla d'aria" già "da qualche anno" e sta avvertendo vari fastidi da alcuni mesi, sarebbe già dovuto andare ben prima d'ora dal medico curante, e adesso avrebbe già chiarito di cosa si tratta. È verosimile che si tratti di un problema tra cute e fascia muscolare che si evidenzia maggiormente quando la contrazione del muscolo lo superficializza (lipoma? ernia muscolare? vena varicosa? irregolarità del sottocute?) . È impossibile, lo ripeto, fare diagnosi a distanza: per accertare la natura del gonfiore occorre guardare, palpare, sfiorare, confrontare, ecc., tutte cose che non è possibile fare online. Non stia a fare esami a casaccio di propria iniziativa: qualsiasi accertamento non serve MAI al paziente, che ovviamente non ha gli strumenti per servirsene, ma serve SOLO ED ESCLUSIVAMENTE al medico che l'ha prescritto dopo averLa interrogata, ascoltata e visitata, e non "per vedere cosa c'è", ma SOLO ED ESCLUSIVAMENTE per confermare o escludere un'ipotesi diagnostica oppure per approfondire una diagnosi già fatta. Sarà quindi il medico a stabilire se e di quali esami lui stesso ha bisogno. Per tranquillizzarLa aggiungo che un aneurisma arterioso pulsa, e non sembra una bolla d'aria, e in ogni caso non ci sono arterie sulla superficie esterna della gamba per cui è davvero poco probabile che di questo si tratti, tuttavia è necessario chiarire prima di tutto la diagnosi, ma subito dopo bisogna che affronti con uno psicologo (ed eventualmente uno psichiatra se si rivelerà necessaria una terapia farmacologica) il Suo stato di ansia/paure/ipocondria che da molto tempo caratterizza i Suoi consulti, per poter vivere una vita più serena.
A distanza non è possibile dire altro. Ci faccia sapere qual è la diagnosi appena l'avrà ottenuta.
Cordiali saluti