Utente 381XXX
Salve, volevo parlarvi di questo mio problema che ultimamente mi sta creando diversi problemi. Da circa un anno mi si è formata questa cisti, non molto grande, indolore e quindi non infetta praticamente non mi creava nessun fastidio. Fin quando il mio ginecologo mi consiglia di toglierla con marsupializzazione e incisione per evitare che poi potesse portare problemi. L'intervento è andato una meraviglia, niente dolori, nienta fastidio, niente di niente! Dopo una settimana vado a controllo dal medico ed era tutto apposto, i punti non si erano ancora tolti ma mi ha detto che potevo avere tranquillamente rapporti. Stesso la sera ho avuto un rapporto ed è andato tutto liscio. Il giorno dopo è attivato il ciclo e a fine ciclo (5 giorn) ho avuto un altro rapporto. Subito dopo ho avvertito un lieve dolore che nei giorni seguenti è aumentato ma niente di insopportabile. Rivado a controllo e il ginecologo mi dice che si era cicatrizzato il buchetto che doveva rimanere aperto, evidentemente per via di un trauma. Mi aspira il muco all interno con la siringa dicendomi che non si sarebbe dovuto richiudere. Sicché tornando a casa avevo un dolore assurdo, mi si era gonfiata tantissimo e febbre a 39. Rivado dal ginecologo preoccupata e malissimo e mi dice che si era richiuso il buchetto e si era formata un altra cisti dietro a quella precedente e dovevo essere operata d'urgenza. Due giorni fa sono stata operata di nuovo, mi ha lasciato un tubicino per evitare che si cicatrizzi in fretta. Ora sono ancora un Po dolorante, sto facendo impacchi con acqua e betadine e ,una volta al giorno, siringhe di rocefin per 3 giorni. Ora sono spaventata, ho paura di non riuscire a guarire per sempre, paura di avere rapporti appena guarita e soprattutto ho paura che si possa richiudere il condotto e tornare al punto di partenza. Vorrei sapere cosa posso fare per evitare tutto questo, per prevenire un ulteriore infezione e se questo tipo di trattamento è giusto o bisogna fare diversamente. Sono davvero spaventata...
Grazie in anticipo per un eventuale risposta. Ci spero davvero tanto.
[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro
48% attività
8% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
L'unico intervento utile per casi come il suo è l'asportazione in toto della ghiandola. Non appena si riformerà la cisti, senza infiammazione associata però, sarà il momento buono per asportarla. Dopodichè i suoi problemi finiranno.


Saluti.
[#2] dopo  
Utente 381XXX

Iscritto dal 2015
Dottore GRAZIE innanzitutto per la risposta, siete stato davvero gentile.
Voi quindi state dicendo che la ghiandola probabilmente è malata e che quindi si riformerà nuovamente la cisti? Inutile dire che io vorrei proprio evitare che ciò avvenga. Non c'è speranza che non si riformi mai più?
[#3] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro
48% attività
8% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Non credo. La cisti si riformerà: questione solo di tempo. A quel punto si dovrà rimuovere con la fine dei suoi problemi.


Saluti.
[#4] dopo  
Utente 381XXX

Iscritto dal 2015
Dottore ma allora mi domando: a che servono questi interventi che ho avuto? Cioè a cosa serve la marsupializzazione se poi non ti risolve il problema? Io ad agosto ho un viaggio, non vorrei rovinarlo.
Io ho letto che per prevenire la riformazione è bene indossare cose larghe, mutandine di cotone e una buona pulizia.
Grazie ancora per le risposte!!
[#5] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro
48% attività
8% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
La marsupializzazione ha un senso clinico nelle forme ascessualizzate; essa risolve il dolore, il gonfiore locale, la febbre e lo stato di malessere dovute al pus ed alla pressione del gas al di sotto dei tegumenti superficiali prima della sua fuoriuscita all'esterno, ma è un intervento palliativo. Apporta, quindi, un beneficio immediato ma passeggero; col tempo la cisti si riformerà di certo, lo sappiamo bene. E sarà allora che la si dovrà estirpare in toto per risolvere definitivamente la questione.
Che il tutto accada in agosto, non lo so nè lo posso prevedere. spero, ovviamente, non accada...ma più che sperare...