Utente 824XXX
circa 3 mesi fà a seguito di una caduta dalla moto ho subito un trauma al polso ma non ho fatto nessuna visita pensando si trattasse di una semplice distorsione.
Il dolore all'articolazione però si è solo in parte attenuato ma mai scomparso del tutto,anzi se faccio particolari movimenti è molto forte,circa un mese fà mi sono rivolto ad un dottore specialista in omeopatia e agopuntura che,pensando si trattasse di una infiammazione,mi ha curato con entrambi i metodi ma con scarsi risultati.
Oggi ho fatto i raggi al polso ma non è emersa alcuna frattura,mi chiedo però se non potrebbe esserci una rottura dello scafoide che non si vede con le lastre e se mi consigliate di fare altri esami,forse una risonanza magnetica? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Milano
48% attività
4% attualità
20% socialità
MONCALIERI (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
La frattura di scafoide si evidenzia facendo un esame radiografio in proiezione per scafoide. Da questa si dovrebbe già evidenziare.
Sicuramente la RMN ha una sensibilità maggiore, in quanto consente di valutare anche la qualità ossea dello scafoide.
[#2] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. Utente,
considerando il tempo trascorso (3 mesi), se fosse presente una frattura (non consolidata) di scafoide, questa sarebbe ben evidente anche su una normale RX. Nel Suo caso procederei nel seguente modo:
1-Visita medica per accertare con attento esame clinico le sedi precise del dolore (in particolare c'è dolore sullo scafoide?)
2-richiesta di indagini aggiuntive MIRATE (ecografia e/o RM), ovvero con un quesito specifico (es.: studio legamento tra scafoide e semilunare oppure della fibro-cartilagine triangolare, oppure delle guaine dei tendini estensori o flessori).
Richiedere un esame complesso come la RM senza prima una valutazione clinica ed un quesito preciso equivale rischiare di "mancare il bersaglio" e di dover ricorrere ad ulteriori, dispendiosi esami aggiuntivi.
Cordiali Saluti!