Utente 707XXX
Buongiorno in anzi tutto grazie per il servizio a disposizione
Sono un ragazzo di 30 anni 3 settimane fa mi sono sottoposto ad un ciclo di peb adiuvante a causa di un carcinoma embrionale al testicolo destro con angioinvasione positiva.
Ora alla terza settimana ho sviluppato un ascesso coccigeo.
il chirurgo del pronto soccorso che mi ha visitato due GG fa ha detto che sicuramente e presente una cisti pilonidale o fistola ma io ho ricordi di aver avuto dolore al coccige già a partire dalla seconda settimana post chemioterapia e di non aver rilevato alcuna pallina o simili attribuibile quindi a ciste piuttosto che fistole coccigea.
Sempre lo stesso chirurgo ha eseguito una puntura esplorativa e dopo mi ha detto che l'ascesso non era pronto per essere drenato pertanto mi ha dato una cura antibiotica e mi ha mandato a casa oggi dallo stesso pertugio aperto dalla puntura è uscito un buon quantitativo di pus anche aiutato dalla pressione sulla ascesso da parte mia.

La mia domanda è: è possibile che non ci sia fistola ne cisti ma sia dovuto alla chemio che ha infiammato la zona? Ora come dovrei muovermi? È ancora da drenare la ferita? A chi mi devo rivolgere secondo voi medico di base o pronto soccorso? Si tenga presente che sono stato operato per fistola coggigea nel 2009 con tecnica aperta.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Malerba
24% attività
12% attualità
12% socialità
TERMOLI (CB)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
E' possibile senz'altro che sia una recidiva di una fistola sacro-coccigea suppurata che è stata già in parte drenata al Pronto Soccorso tramite puntura esplorativa. Certo la chemioterapia avrà probabilmente favorito l'insorgenza della flogosi ma alla base c'è sempre la presenza di cisti in tal caso recidivata, evenienza non infrequente ma tutt'altro.
Le consiglio innanzitutto una visita chirurgica per valutare se il drenaggio è sufficiente o meno , per verificare la diagnosi e perprogrammare il prosiego terapeutico.
[#2] dopo  
Utente 707XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dottore,
A suo modo di vedere dovrò essere operato?
Se si con anestesia locale o spinale?
Grazie per la sua risposta ed il suo tempo
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Michele Malerba
24% attività
12% attualità
12% socialità
TERMOLI (CB)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Se il chirurgo dovesse confermare la presenza di una cisti pilonidale recidiva fistolizzata, allora le consiglio l'intervento , ma solo dopo che si è tolta l'infiammazione.
Tale intervento può essere fatto molto bene , come avviene di routine, in anestesia locale con assistenza anestesiologica.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 707XXX

Iscritto dal 2008
Grazie Dottore molto gentile ed esaustivo la terrò informata
Saluti e grazie ancora