Utente 348XXX
salve, sono un ragazzo di 28 anni, pratico bodybuilding non agonistico da circa 2 anni,eseguito sempre con giudizio e criterio e da qualche mese avverto dei forti rumori articolari alle spalle, in particolare la spalla destra, che fa un rumore molto forte e udibile a distanza, rumore simile a quando si rompe una noce. tale rumore si presenta con qualsiasi tipo di movimento io faccia con la spalla destra, sia esso rotatorio, distensivo ecc. se insisto nei movimenti con la spalla destra avverto un senso di stanchezza e debolezza con perdita di forza muscolare. tale rumore lo avverto in forma molto minore alle ginocchia e tra l'attaccatura del femore col bacino, mentre nel piede destro avverto un forte rumore "di scatto" nella zona tra astragalo, tibia e perone, anche in questo caso se insisto nel fare "scattare" la zona avverto debolezza nella zona,specie quando rimetto il piede a terra per alzarmi. ho eseguito un'ecografia ad entrambe le spalle con il seguente referto: "il capolungo del bicipite è in sede senza soluzione di continuità. la cuffia dei rotatori conserva regolare spessore e struttura omogenea. non si apprezzano segni di tendinosi nè rotture a tutto spessore.
non versamento nella guaina del capolungo.
regolare l'articolazione acromionclaveare."
non contento del risultato eseguo pure delle lastre ad entrambe le spalle più il piede destro, col seguente referto:
"non lesioni ossee a focolaio o diffuse in atto radiologicamente apprezzabili a carico delle componenti scheletriche, spalla destra, spalla sinistra e piede destro esaminati nelle proiezioni eseguite. conservati i rapporti articolari."
della serie "il malato non ha niente...però è morto!"
a questo punto non so cosa fare, se debba eseguire pure una risonanza magnetica o se non debba eseguire altri esami strumentali.
l'ortopedico mi ha detto che tali rumori derivano dal fatto che con l'aumento della massa muscolare dovuto all'allenamento, ne deriva pure un aumento di dimensione dei tendini e dei legamenti, e che quindi questi rumori derivano dallo "sfregamento" di tendini e legamenti con le ossa, quindi nulla di rilevante.
mi ha dato un semplice integratore di curcuma fitosoma, e mi ha proposto eventualmente di fare delle infiltrazioni di acido ialuronico, sono utili?
desidererei avere ulteriori pareri in merito,poichè io non ci vedo nulla di normale in tutto ciò....
vorrei ritornare ad allenarmi al più presto, considerato che sono fermo da più di 2 mesi ormai, ma ho paura che con l'allenamento tale problema possa diventare più serio e rischiare un infortunio serio.
potrebbe trattarsi di un inizio di artrosi/artrite o qualche patologia autoimmune che attacca le giunture?
grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La storia cinica che ci ha raccontato è ben descritta e ci sono alcuni punti su cui riflettere:
1. il fatto che gli esami strumentali siano normali è un fatto che esclude lesione e alterazioni anatomiche strutturali ma non che vi siano elementi sulla meccanica così come le ha detto il collega ortopedico
2. la proposta terapeutica, se ritiene di porre fiducia nel medico che l'ha visitata, deve essere accettata
3. la probabilità di patologie, come da Lei elencate, è piuttosto prematura ... attenderei il giudizio del medico.
Stia tranquillo e si affidi alle cure dei colleghi.
AUguri