Utente 378XXX
Egregi dott.,
circa 3 settimane fa, dall'oggi al domani, prima di un rapporto sessuale, la mia erezione era nettamente inferiore al solito. Inoltre durante il rapporto si e' presentata anche eiaculazione precoce (2/3 minuti dopo la penetrazione). Sul momento non ci ho fatto molto caso ma anche durante le volte successive si sono ripresentati gli stessi problemi. Sono passate 3 settimane, l'eiaculazione precoce e' quasi scomparsa anche se non del tutto (il rapporto dura comunque un po' meno del solito, ho la sensazione che il pene sia piu' sensibile) e la turgidita' del pene e' migliorata ma ancora non ci siamo (per dare una idea sono al 70%). Non capisco quali possano essere le cause. Non soffro di diabete anche se in passato, fino al momento di iniziare una dieta, ero in pre diabete. Da un anno a questa parte sono passato da 123 kg a 94. La glicemia e' scesa da 124 a 81 a digiuno e a due ore dai pasti il valore e' 103. La pressione e' buona (128/79), corro e faccio sport, non ho problemi di cuore e gli esami del sangue sono molto buoni a parte una steatosi epatica in via di miglioramento. Collesterolo ottimo. Si e' un periodo forse un po' stressante ma non molto piu' del solito. Ammetto che potrebbe essere anche il fatto di pensare al problema prima di avere un altro rapporto ma anche durante la masturbazione il problema e' praticamente lo stesso (non ho eiaculazione precoce ma la turgidita del pene, a parte per brevi tratti in cui raggiunge il 100%, non supera il 70). La libido e' inalterata.
Quindi, a parte le cause di natura psicologica, dal punto di vista organico, cosa potrebbe essere?
Grazie per il vostro tempo.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,aldilà dei riverberi psicologici,sempre presenti nella DE,il dismetabolismo glico/lipidico può favorire un disagio sessuale che,alla sua età,va considerato transitorio ma,comunque,degno di essere inquadrato in una diagnosi rigorosa che possa monitorare il ripristino di un necessario equilibrio neuro-vasculo-ormonale. La posta in gioco non é la prossima settimana,bensì il suo benessere futuro.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 378XXX

Iscritto dal 2015
Gent.mo dottore,
temo di non aver capito appieno la sua risposta. Cosa intende per dismetabolimo?
Crede sia questo il problema?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...dismetabolismo plico-lipidico é espressione di un'alterazione dei grassi e degli zuccheri.Nel suo caso,tutto l'organismo dovrà "difendersi" dagli effetti di tale condizione,non solo l'eccitazione sessuale.Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 378XXX

Iscritto dal 2015
Quindi ritiene che questo problema sia dovuto alla dieta fatta?
Se si qual'è il rimedio?
Grazie
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...la dieta é stata provvidenziale.La disfunzione erettile e la eiaculazione precoce non sono malattie ma vanno considerati sintomi che possono essere legati a stati di salute e/o abitudini di vita errate (fumo alcol,alimentazione etc.) .Gli aspetti psicologici sono scontati.Non é possibile prevedere una risoluzione,per cui é necessario porre una diagnosi .Cordialità.
[#6] dopo  
Utente 378XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dott. Izzo,
non vorrei sembrare insistente ma, considerato che:
1)Non ho mai fumato/bevuto
2)Mangio in modo sano
3)Gli esami del sangue sono buoni
4)La pressione e' buona
5)Faccio sport
6)Non ho patologie particolari (che io sappia)

Potrebbe elencarmi qualche causa plausibile oltre a quella psicologica, in grado di causare i problemi di cui ho scritto?
Giusto per avere una idea, senza alcuna pretesa di esaustivita' ovviamente.
Ancora grazie.