Utente 323XXX
Buona sera.
Ho bisogno di un consulto per mia suocera. Ha un sacco di malattie tra cui una sclerodermia da anni che le hanno procurato delle ulcere agli arti inferiori,inoltre soffre di ipertensione e prende tutti i giorni delle medicine il Norvasc e il Plaunac. Circa 15 giorni fa ha avuto un intervento le hanno messo un pacemaker. Inoltre ha anche un'insufficienza renale.Uscita dall'ospedale però ha avuto continui giramenti di testava tal punto da non riuscire a stare in piedi.facendo le analisi del caso abbiamo appurato che ha il ferro bassissimo e ora da circa una settimana ha anche la pressione molto bassa. Il medico di base le ha dato delle gocce x alzarla un po' il gutron credo,ma senza togliere ne il Norvasc ne il Plaunac x cui è sempre uguale. La mia domanda adesso è se deve continuare a prendere il Gutron e sospendere o Norvasc o Plaunac? Perché stamattina andati dal nefrologo x l'insufficienza renale è rimasto sorpreso su chi avesse dato il Gutron e perché magari non è stato ridotto il dosaggio degli altri farmaci. Avendo anche dei problemi cardiaci mi preoccupa sto fatto. Cosa mi consigliate? ?
Grazie buonasera

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Non è possibile dare suggerimenti terapeutici che riguardino casi specifici, per questo è necessario che il paziente venga visitato personalmente da un medico "reale" e non a distanza.
In linea di massima posso però dirLe che effettivamente mi sembra un po' strano continuare a somministrare due antiipertensivi ad una paziente che presenta ipotensione, ed oltretutto prescriverle un farmaco "ipertensivante", peraltro di dubbia efficacia.
Mi sembra molto più ragionevole che si indaghi approfonditamente sulle cause della carenza di ferro e della probabile anemia ad essa correlata. E' possibile, anzi probabile che il quadro clinico possa infatti essere ricondotto a questo.
Ma, Le ripeto, il tutto va valutato da un medico "dal vivo".
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 323XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio comunque. Buonasera