Utente 372XXX
Salve, ho recentemente avuto una diagnosi di aspergillosi che probabilmente ho da diverso tempo e leggevo che i risvolti più temuti sono a livello polmonare (in effetti avevo linfonodi poi risultati "colonizzazioni" dell'aspergillo con seri problemi respiratori e non solo) ma anche cardiologico.

Da emerita ignorante mi chiedevo se la presenza di un "passaggio diretto" fra cuore e polmone riscontrato nel 2013 (forame ovale pervio con shunt di 1/3) possa richiedere una rivalutazione a distanza a fronte della diagnosi recente, e in ogni caso quali accertamenti sia il caso fare a livello cardiologico tout-court
(se lo è) con una diagnosi di aspergillosi.

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il forame ovale pervio non è una comunicazione tra cuore e polmone, ma tra atrio destro e atrio sinistro.... e non c'è alcuna relazione con l'aspergillosi.
Saluti