Utente 397XXX
Circa 8 giorni fa venivo tamponato da fermo, i primi 10 minuti ho avvertito vomito e capogiri, mal di collo e spalla destra, chiamata autoambulanza e portato all'ospedale, mi veniva diagnosticato dopo raggi x, colpo di frusta e trauma cervicale, mi consigliano di fare risonanza magnetica al rachide cervicale, più collare rigido schanz, il kofenac e lenifast, e mi danno 7 giorni s.c. Effettuo a mie spese la risonanza con questo esito: "E' stato visualizzato il tratto rachideo compreso tra il passaggio cranio-cervicale e le prime vertebre dorsali con immagini sagittali T2 e T1 dipendenti; immagini trasversali T2 sono state ottenute tra C2 eC7.
Diffusi segni di degenerazione artrosica dei somi vertebrali e dei massici articolari; i dischi intersomatici si presentano ridotti in altezza e nell'intensità di segnale come da fenomeni di degenerazione-disidratazione.
Per quanto possibile dire in paziente in decubito supino, e quindi in condizioni di scarico funzionale, si apprezza verticalizzazione della fisiologica lordosi cervicale.
I dischi intersomatici, specie a C3-C4 presentano protusione e discale circonferenziale che lambisce la corda midollare e mostra ampia estrinsecazione al terzo inferiore dei neuroforami.
Normali le dimensioni del midollo spinale che non presenta alterazione di segnale nel contesto".
Chiedo se è grave, quale trattamento seguire e se tutto questo può essere imputabile al colpo di frusta avuto nell'incidente.
Grazie!
[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
la degenerazione artrosica è senza dubbio un processo cronico che non è legato al trauma acuto. Anche dimostrare che i dischi intersomatici non fossero protrusi prima (l'onere della prova è a carico "dell'incidentato") è assai "dura". Con queste cose che potrebbero essere state presenti probabilmente anche prima del trauma, il medico legale dell'assicurazione avrà buon gioco nel dire che anche la "perdita della fisiologica lordosi cervicale" è legata a cause preesistenti e non al trauma. Ricordo che l'onere della prova che il danno è dovuto all'incidente è suo. Può leggere "misurare il danno da colpo di frusta" sul web, il primo articolo è http://www.danieletonlorenzi.it/area-medica/colpo-di-frusta-lassicurazione-paga-o-no/ (quando compare stai per aprire un link esterno al sito di medicitalia clicchi su "continua e apri il sito").
Credo che "sperare" sul risarcimento con migliaia di euro da parte dell'assicurazione sia "pia illusione".
Se invece vuole "fotografare" la Sua situazione (.... e curarla) nell'articolo credo troverà indicazioni.
Saluti.
L'ortopedico e il fisiatra sono comunque le figure di riferimento.
Nel caso abbia problemi di vertigini ai movimenti bruschi della testa deve fare riferimento ad un vestibologo (una sottospecialità degli otorino)
comunque credo debba essere fatta anche visita neurologica.
Tenga presente che il trauma facciale può dare danni all'articolazione temporo mandibolare ed allora servirebbe uno gnatologo.
Spero di esserLe stato di aiuto