Utente 350XXX
Gentili dottori

Causa difficoltà sessuali mi trovo a dover riprendere la cura con cialis 5 mg ( avevo iniziato a prenderlo l'anno scorso ma, causa effetti collaterali e risultati non eclatanti avevo deciso di interromperne l'utilizzo)
Da sempre, o almeno da quando ricordo, presento una curvatura verso sx del pene.
Vi chiedo se, in presenza di tale curvatura, ci siano controindicazioni nell'utilizzo di tale farmaco, in particolare se l'utilizzo del cialis può aggravare la curvatura o il de.

Vi ringrazio
Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
mi pare strano che si voglia riassumare farmaco che non ha avuto risultati e che ha avuto effetti collaterali.
Poi alla sua età personalmente valuterei se vi sono terapie più definitive di quel sintomatico, unitam,ente al grado di curvatura che potrebbe anche ostacolarer la penetrazio0ne ed essere concausa del deficit.
Comunque quel farmaco non aggrava
[#2] dopo  
Utente 350XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dottor Cavallini


Le spiego
Il cialis in un primo momento sembrava dare buoni risultati, Tuttavia causa vari episodi che mi hanno "spento" probabilmente a livello mentale, questi buoni risultati sono spariti. Almeno questa è l'interpretazione che sono riuscito a darmi, non so se sia corretta.
Sono consapevole che sarebbe più una terapia al bisogno che qualcosa di risolutivo.
Anzi colgo l'occasione per chiederLe cosa intende per terapie più risolutive

La ringrazio
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
1) Valutare la curvatura
2) Trovare causa di deficit erettivo
3) Agire sulle cause.
[#4] dopo  
Utente 350XXX

Iscritto dal 2014
La curvatura era stata valutata e non sembrava essere il motivo del problema.
Il mio andrologo ritiene che le cause siano esclusivamente di natura psicologica, anche se non ho mai fatto un ecd dinamico per verificarlo.
Ritiene che sia utile svolgere questo esame? Perchè sembra un esame piuttosto invasivo e,ho letto, non privo di potenziali rischi.

La ringrazio ancora
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Ritengo che asl di sotto dei 30 anni sia inutile a meno di casi eccezzionali cui lei non pare appartenere. Utile psicologo allora. Più del farmaco.
[#6] dopo  
Utente 350XXX

Iscritto dal 2014
Gentile Dott. Cavallini

Scusi il ritardo con cui rispondo.
La ringrazio allora.
Colgo l'occasione per porLe un'ultima domanda.
La curvatura del pene non mi causa problemi di penetrazione in senso stretto (è più un problema estetico semmai) ma a volte avverto dei leggeri fastidi durante il rapporto, non so se attribuibili alla curvatura in se o ad altro. In particolare questi fastidi li sento sul lato più lungo, verso la cima e soprattutto alla base del pene che sento come se si piegasse (tra l'altro la base mi sembra nettamente più sottile rispetto al resto del pene). In particolar questo mi succede quando la penetrazione è un po più profonda.
Altre volte invece avverto dei fastidi,anche ore dopo il rapporto, provenire dall'interno del pene, più che altro sul lato dx, che è quello più lungo, quando questo e in stato di flaccidità.
La mia domanda è quindi se esiste la possibilità che il rapporto provochi dei traumi al pene e se , a furia di "usarlo" esista la possibilità che la curvatura peggiori? Non che smetterei per questo sia chiaro, ma mi interessava saperlo.