Utente 283XXX
Buongiorno.
Sono a chiedervi un consiglio riguardo ad una lieve ectasia dell'aorta ascendente riscontrata in un controllo ecografico.
sono un maschio, 45 anni, mediamente ipoteso ( 110-70 da una vita), bradicardico ( 55/60 batiti).
la mia ansia mi porta nei periodi di stress ad avere delle extrasistole sopraventricolari, controllate a partire dal 2010 con Holter, visite cardiologiche e cicloergometro.
Sono podista, e corro anche ad un buon livello (10km in 42min), anche se da circa due anni ho interrotto la corsa per mancanza di tempo dovuta alla nascita di mio figlio, che adesso ha tre anni e mezzo.

volendo rincominciare a correre ho fatto un controllo cardio, dato che ogni tanto ( lutto recente) le extrasistole si fanno sentire.

Purtroppo nel controllo è emerso un lieve ingrossamento della aorta ascendente rispetto al 2010.
Il dottore mi ha tranquillizzato e detto che posso correre, che non c'è nulla di cui preoccuparsi, che è normale, di stare tranquillo.
aggiunge inoltre che qualche mm di errore nella misurazione ci può stare.....

A breve mi farà fare il cicloergometro per darmi il via libera per il podismo.

Visita settembre 2010: seni di Valsala37mm - aorta ascendente 35mm
Visita gennaio 2016: piano sopravalvolare 39mm - aorta ascendente 41mm - arco 20mm

diagnosi: Lieve ectasia aortica.

Vorrei chiedere: cosa può portare un individuo sano, senza ipertensione ( anzi!), non bevitore, non fumatore, sportivo, senza patologie o infezioni ad avere un progressivo aumento del diametro della aorta?

Quale è la migliore strategia da attuare adesso? ci vogliono altri esami più dettagliati?

Se, come si vede, il diametro aumenta di un mm all'anno, è plausibile pensare ad un intervento tra circa 9-10 anni, cioè al raggiungimento dei fatidici 50mm??

Grazie per le risposte che vorrete darmi, buona giornata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Sulle cause, visto che riporta l'assenza di fattori che giustifichino la dilatazione aortica, non è possibile esprimersi (ma come le è stato detto le dimensioni reali potrebbero essere inferiori a quelle riscontrate). L'incremento della dilatazione può non verificarsi mai. Direi che stà sbagliando atteggiamento. La situazione non è preoccupante. Faccia il test da sforzo.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 283XXX

Iscritto dal 2013
Salve, grazie per la risposta.... ma non capisco.... se 5 anni fa ero a 35 ed adesso a 41....una dilatazione c'è stata.
Può essere anche invecchiamento e perdita di elasticità.... in cosa sbaglio atteggiamento?
L'ansia gioca brutti scherzi....lo so.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Sbaglia nel considerare il suo problema più grande di quanto no sia.....in effetti la dilatazione c'è, ma non è severa. Confermo che potrebbe restare tale per il resto della sua vita. Basta solo fare un ecocardiogramma di controllo a cadenza annuale.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 283XXX

Iscritto dal 2013
Capisco, probabilmente ho dato per scontato che il trend rimanesse costante.
ma quindi, in assenza di cause, cosa può determinare la dilatazione?

Può essere solo invecchiamento e perdita di elasticità?

Grazie per la pazienza!

Saluti.
[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi la sua domanda purtroppo è senza risposta, ma non cambia lo stato delle cose...
Saluti
[#6] dopo  
Utente 283XXX

Iscritto dal 2013
Capisco...è difficile per me accettare diagnosi e risultati di esami senza conoscere e capire le motivazioni o le cause, è il modo con cui elaboro e metabolizzo quello che accade, forse perché penso così di averne il controllo.
Devo imparare a gestire l'ansia e la preoccupazione nell'attesa dei nuovi controlli che evidenzino l'evolvere o meno della dilatazione, ma questo è un altro problema.
Nel frattempo cercherò di viverla più serenamente possibile, grazie delle risposte tempestive e sicuramente più esaustive delle pochissime parole spese dal cardiologo che mi ha visitato.

Buon lavoro.