Utente 849XXX
Sono affetta da 10 gg da tromboflebite venosa profonda della safena sx che sto curando con Fluxum 0,6 una volta al dì e con calza antitrombo compressione 18 non essendo stato possibile reperire quella a compressione 24 prescrittami.La safena presenta ancora arrossamento e dolorabilità e indurimento,però lunedi dovrei subire l intervento chirurgico per l asportazione della stessa.E' preferibile attendere ancora per l intervento o è consigliabile effettuarlo al più presto?
Gradirei il vostro consiglio data la mia immensa paura.
Vi ringrazio.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Ruggiero Curci
24% attività
0% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
A meno di una progressione della trombosi verso la crosse safeno femorale, ovvero il punto in cui la safena interna confluisce nella vena femorale, l'intervento chirurgico in programma va sospeso fino alla completa regressione del quadro di flebite. La compressione elastica dev'esser almeno della prima classe terapeutica.
Cordiali saluti.
R.Curci
[#2] dopo  
Dr.ssa Elena Gallinacci
20% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
SONO D'ACCORDO PERFETTAMENTE CON IL COLLEGA , LA SAFENECTOMIA VA POSTICIPATA SINO A REGRESSIONE COMPLETA DELLA VARICOFLEBITE , L'INTERVENTO CON VARICOFLEBITE IN ATTO SI EFFETTUA SOLO QUANDO CI SIA UN ESTENZIONE ALLLA CROSSE CON PERICOLO DI EMBOLIA .
LE CLSSE DA UTILIZZARE SONO QUELLE DELLA PRIMA CLASSE TERAPEUTICA PUO OPTARE ANCHE PER IL MONOCOLLANT CHE POTREBBE ESSERE MEGLIO TOLLERATO