Utente 698XXX
Gent.mi Dottori,
sono stato operato la scorsa settimana (giovedì) ad un varicocele di II grado. I medici radiologi che hanno effettuato l'intervento (gentilissimi e di grande professionalità) mi hanno consigliato di restare a riposto per 15gg sia da sforzi fisici che da rapporti sessuali. Ho compreso e accettato con fede e benevolenza il riposo dagli sforzi fisici, ma non capisco perchè non posso avere rapporti con la mia ragazza (e neanche da solo!) per ben 15gg! Cosa può fisiologicamente e anatomicamente cambiare con un orgasmo e conseguente eiaculazione? Può forse aumentare la pressione a livello venoso con rischio di distacco del trombo? Oppure può in qualche modo avere una influenza sulla vena che si sta sclerotizzando?
Insomma, credo che il vero "sforzo" sia quello di resistere per altri 10gg e mi piacerebbe capire perchè devo farlo (visto che lo trovo davvero un grosso sacrificio psicologico).
Grazie mille.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,scomodare la fede e la benevolenza per un'astinenza sessuale di 15 gg. mi sembra esagerato...piu' realisticamente credo che il collega abbia voluto sottolineare una ovvia prudenza .Tenga duro... per un'altra settimana e ci aggiorni,se ritiene.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 698XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo Dott. Izzo,
La ringrazio per la risposta incoraggiante e gentile.
Sarà perchè sono fortunato ed ho una bellissima ragazza, sarà che propendo verso una certa dipendenza sessuale, ma Le assicuro che non è affatto facile resistere per un'altra settimana.
Allo stesso modo, comunque, comprendo come sia ben più complesso sclerotizzare una vena utilizzando un catetere rispetto al mio problema. Quindi, mi impegnerò e farò di tutto per resistere, anche se sarà dura.
Grazie, ancora.
Cordialità