fase  
 
Utente 296XXX
Gentilissimi buongiorno,

sono un uomo di 40 anni che svolge l'attività di impiegato informatico, spesso utilizzo tastiera e mouse.

Mi è stata diagnosticata rizoartrosi bilaterale anche se ho avuto pareri discordi: interpellato un ortopedico questi mi diche che non ho rizoartrosi nonostante lastre a supporto e che si tratta di semplice infiammazione tendinea, mentre un secondo invece mi conferma diagnosi precedente.

Volevo domandare, vista l'età relativamente giovane, informazioni su centri di eccellenza per questa patologia e se esistono terapie a supporto, es acido ialuronico, per rallentare per lo meno la progressione del problema.

In questa fase a volte nella flessione del pollice avverto una specie di scatto, sento dolore alla base del medesimo lato polso, mentre in altri momenti ho un dolore proprio alla base del pollice, dall'interno della mano.

Aggiornerò la presente con gli estratti dei referti medici.

Cordialità
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la terapia è in funzione della diagnosi.

A volte, coesistono due diverse patologie, indipendenti tra loro, ma con localizzazione molto simile (rizo-artrosi e De Quervain).

Sicuramente, se ha una rizoartrosi, si tratta di un fatto molto iniziale o addirittura in fase pre-artrosica.

In questi casi, il tutore notturno e l'acido ialuronico intra-articolare (un paio di volte l'anno) vanno benissimo.

Se c'è anche un De Quervain, va bene la Tecar o laser + ultrasuoni o una infiltrazione di cortisone.

Ripet: va fatta una diagnosi precisa.

Buona giornata.