Utente 398XXX
Buonasera,

Cercherò di spiegare brevemente.
Due anni fa andai dal cardiologo perché avevo delle extrasistoli. Feci elettro e ecocardiogramma e il risultato fu tutto nella norma a parte una lieve ectasia della aorta ascendente (4,01) e tachicardia 100 b/min Il dottore mi disse, dopo aver ascoltato le mie storie di fortissima ansia e eruttazioni continue, che ero dispeptico e che dovevo prendere all'occorrenza dello Xanax e che dovevo smettere di fumare, cosa che feci dopo pochi mesi.
Per due anni ho avuto a periodi alterni queste extrasistoli e vari problemi digestivi causati da reflusso e una probabile ernia iatale.
A gennaio 2015 mio padre muore di tumore e io credo di averlo affrontato al meglio fino a quando circa due mesi fa inizio ad avere forti attacchi d'ansia che mi fanno accellerare il cuore e mi preoccupano non poco tanto che un giorno mi reco in farmacia in preda ad un attacco di panico ... PA 140/80 ... Prendo delle pasticche naturali per calmarmi... Arriviamo ad oggi.
Super ansioso mi vengono le solite extrasitoli/palpitazioni ansia giramenti di testa. Decido di correre dal cardiologo dopo neanche un ora ed ecco i risultati.
Toni ritmici conservati. Soffio sistolico 1/6 no segni di insufficenza cardiaca PA 140/80 e tachicardia 104 b/min
Esame eco cardio
Apparati valvolari indenni. Lieve ectasia aorta (39,9) lieve ipertrofia del ventricolo sx con Fe normale(60%) poi atrio sx e dx e ventricolo dx nella norma.
Consiglio bisoprololo 1,25 al mattino lucen 40 mattina e sera e xanax.

Mi sono preso un colpo ovviamente ora sono su internet dove leggo morte ictus ecc... Che devo fare? Il cardiologo mi ha detto che sono nei limiti e che il cuore non ha niente di patologico ... Poi alla domanda devo tornare da lei per un controllo mi risponde dipende se starà bene e poi nel referto invece trovo consiglio visita fra 6 mesi.
Il mio medico dice che posso anche evitare almeno per un anno e che prima di prendere il betabloccante proviamo a curare l'ansia. Insomma non ho capito molto di tutto ciò e per questo vado ancora più in ansia.
Ecco i valori di oggi
SIVD 10,4 mm
Ddvs 37,7 mm
Ppd. 10,8 mm
Sivs. 14,7 mm
Dsvs 26,0 mm
Pps 14,7 mm
Fe 60%
Fs 31%
S% 42%
Pp% 36%
Mvs 143g

Valori 24 aprile 2014

Setto iv (dia) 1,04 cm
Diametro vs dia 4,69 cm
Par post vs dia 0,86 cm
Setto iv sis. 1,84 cm
Diametro vs sis 2,56 cm
Par post vs sis 1,59 cm
Frazione eiezione 77%
Frazione accorciam 46%
Ispessim setto 78%
Ispessim parete post 96%
Mvs 169

A me questi valori non mi tornano molto ... Il cardiologo mi spiega che la lieve ipertrofia vs vuol dire che c'è un legferissimo ingrandimento del vs ... Ma non era più grosso nel 2014?

Scusate la lungaggine ma veramente sono molto agitato e vorrei una spiegazione chiara...

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Iacopo Ciccarelli
24% attività
4% attualità
12% socialità
URBINO (PU)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2015
Gentile utente,

sulla base dei referti degli esami strumentali da lei riportati e nei limiti del consulto a distanza, sono d'accordo con la terapia (Cardicor) suggerita dal suo Cardiologo, che non attenderei ad intraprendere.
L'ecocardiogramma infatti mostra una iniziale ipertrofia ventricolare sinistra e dilatazione dell'aorta ascendente per cui assumere questo farmaco ( e se possibile aumentarlo progressivamente sulla base dei valori di presione arteriosa e di frequenza cardiaca, ma su questo aspetto si consigli con il suo Cardiologo di fiducia) è indicato.
Bene ha fatto a smettere di fumare, ora cerchi di perdere anche peso in eccesso e di mangiare con poco sale, vedrà che ne trrrà giovamento a lungo termine. Consiglio di ripetere non prima di 24 mesi l'ecocardiogramma, mirato alla valutazione delle dimensioni aortiche.

Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Grazie dott. Ciccarelli per la sua velocissima risposta.
Non sono in realtà molto tranquillo anche perchè mi sembra una cosa piuttosto seria.
L'aorta era così anche due anni fa.
Comunque a questo punto mi sorgono alcune domande:

1)Non potrebbe essere "genetica" come riferito dal cardiologo la prima volta?
2) il farmaco che dovrei prendere per quanto tempo dovrei prenderlo? Per un anno???
3) per quanto riguarda l'iniziale ipertrofia è una condizione reversibile con il farmaco?

Grazie ancora
C
[#3] dopo  
Dr. Iacopo Ciccarelli
24% attività
4% attualità
12% socialità
URBINO (PU)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2015
Gentile utente,

come già ricordato è opportuno proseguire nel controllo almeno biennale tramite ecocardiogramma mirato alla valutazione delle dimensioni dell'aorta.
Pur se attualmente di grado lieve infatti, tale patologia risente negativamente di valori pressori elevati (che con le rare misurazioni domiciliari non possiamo escludere con certezza) e di elevata frequenza cardiaca.
Sarebbe inoltre opportuno, secondo le linee guida internazionali, che i valori presori venissero mantenuti <= 130/80 mmHg per cui è auspicabile iniziare e proseguire indefinitamente la terapia con betabloccante.
In base ai valori del referto ecocardiografico riportati, se i valori di altezza e peso riportati sono corretti, non vi è ipertrofia ventricolare sinistra.

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio Dott. Ciccarelli. Seguirò sicuramente i suoi consigli.

Ultima domanda:
Per quanto riguarda lo sport?
Da due anni appena smesso di fumare ho iniziato a fare bicicletta ( 10/20 km ) 3 volte a settimana nei periodi estivi e da due mesetti pratico esercizi aerobici 3 volte a settimana in palestra con l'obiettivo di perdere peso.
Il mio cardiologo alla domanda "posso fare sport di questo tipo" ha risposto "lei deve fare sport di questo tipo". Lei conferma?
Questa mattina ho fatto dieci km in bici direi senza nessuna fatica ad media di 20 km/h ... Alla fine avevo un battito massimo di 145 al minuto. Il problema che appena finito senza nessun sintomo ho iniziato ad aver paura di star male e quindi ho avuto giramenti di testa e ansia e sono corso a casa. Sono ancora piuttosto intronato.
Credo che tutto ciò sia dato dall'ansia e dalla paura dopo la visita di ieri. Anche perchè la settimana scorsa facendo sforzi bel più intensi non ho mai avuto queste sensazioni.
Secondo lei questi sintomi sono dati dall'ansia o dal cuore?

Grazie e buona domenica