Utente 387XXX
buongiorno. sono cardiopatico di primo riscontro (classe NY..: I , cioè la prima).
Oltre a farmaci ipertensivi vari, mi è stato prescritto diuretico dell'ansa 2 compresse die da 0,25. la mia domanda è la seguente: credo che il diuretico mi faccia poco .. mi spiego meglio: non noto grosse differenze tra prima dell'uso del diuretico e ora, ovvero, se prima non la misuravo, tuttavia per numero minzioni e, a vista, la quantità di urina al giorno, mi sembra fosse più o meno la stessa di ora col diuretico (che invece la misuro): c.a. e sempre 1.200-1.300 ml/gg. sulle 24 ore.
va bene continuare col diuretico? forse mi evita il riformarsi dei liquidi in eccesso che avevo prima... perché sono stato ricoverato 1 mese fa e mi hanno "sgonfiato" con diuretici in vena; le gambe/caviglie erano gonfie e dopo le dimissioni non più.... ora, a un mese dalle dimissioni e con due lasix al gg, non mi si gonfino più, ma la quantità di urina, ripeto, mi sembra non quella indotta da 2 lasix, ma una quantità normalissima (nella norma). forse perché bevo poco? (così mi è stato detto dall'ospedale, ovvero bere meno di 1 lt. al gg!).
concludendo: i due lasix, che secondo me, nel mio caso, non incidono molto sulla quantità di urina, devo continuare a prenderli (col significato di evitare il riaccumulo di acqua?); 1.200-1.300 è una quantità normale associata a due lasix, considerando che bevo poca acqua e anche i cibi che assumo cerco che siano poco "acquosi" (per cercare di rispettare l'imperativo di limitare assunzione di liquidi a men di 1 lt. /gg)? aggiungo che sto bene (pressione ora 110-60, spesso anche meno, fc piuttosto bassa -attorno sempre ai 50 per betabloccante , no gonfiori arti inferiori, no dispnea, respiro bene, saturazione ossigeno sempre 95-96%).
grazie se vorrete aiutarmi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ecco, quando leggo queste cose mi amareggio.
Pensare che nel 2016 ci siano ancora medici che consiglino ad un paziente di bere poco mentre assume un dosaggio elevato di furosemide veramente amareggia, perche significa che si puo diventare medici senza studiare.
gentile utente lei urina poco perche non beve. puo assumere anche un chilo di furosemide ma lei certo non urinera piu dei liquidi che ingerisce.
il problema e che seguendo le istruziinindi queste persone che hanno studiato poco lei potrebbe avere dei seri danni.
provi a controllare la variazione dei suoi valori di creatinina e di azotemia negli ultimi tempi.
Non conosxo niente della sua storia clinica ne degli esami strumentali che ha eseguito ma il mio giudiizio non cambia
NB NYHA I significa che non ha segni si insufficienza ventricolare sinistra, é u a classificazione che si basa sulla dispnea del paziente

arrivederci
[#2] dopo  
Utente 387XXX

Iscritto dal 2007
grazie doctor, esauriente. cerchero' a sto punto di mediare bevendo un poco di +.
per completezza di info, le dico che ho la seguente patologia (che mai aveva portato a mancanza di respiro con ricovero di 3 gg - per lieve scompenso): CMPD ipocinetica con BBS. cura: lasix, betabolccante e ACE inbitore, attività fisica , dieta ipocalorica (con poco sale e pochissimi grassi essendo obeso). creatinina alle dimissioni : 1.00; sodio-potassio-magnesio e cloro: nella norma. ogni altro parametro (emocromo, trigli, colesterolo, transaminasi, gamma gt, bilirubina, azotemia: tutto ok). erano sballati enzimi specifici cardiaci (troponina e peptide, mentre CK-MB massa NO). hanno escluso ischemie (mai angina e dolori silmilari a braccia, petto, etc..).
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ecco controlli nei prossimi giorni i valori di creatinina ed AZOTEMIA (che e' il piu fedele indice di disidratazione) oltre che gli elettroliti.
La furosemide agisce inibendo il riassorbimento del sodio a livello del tubulo contorto prossimale e pertanto il sodio per osmosi attira acqua nel tubulo stesso aumentando la produzione di urina, aumentando la sodiuria.
Controlli gli elettroliti.
La terapia principe dello scompenso sono gli antialdosteronici (che lei mi pare non assuma), l'abolizione del sale aggiunto nelle vivande, ed i nitrati.
L'importante e' bere abbondantemente , per evitare (per farsi capire) che i reni vengano ipoperfusi. Se questo accadesse i reni riassorbirebbero azoto, sodio ed ac. urico, vanificando la terapia diuretica.
Ecco perche' occorre bere abbondantemente (almeno 1litro e mezzo/ due di acqua - anche del rubinetto...)
Arrivederci

cecchini