Utente 379XXX
Aggiornamento anamnestico:
Eseguita TURP della prostata nel mese di settembre 2016.
Eseguita ablazione nodale transcatetere novembre 2016.
Attualmente: frequenza minima notte 40, maxi anche 115, ma normalmente 85/90.
Mi è stata diagnosticata una sindrome bradi/tachi e mi è stato consigliato impianto di pacemaker, con contestuale assunzione di betabloccanti ai quali sono ipersensibile e che non posso prendere, salvo appunto l'impianto di un pacemaker..
La mia pressione a riposo è 105/70 anche 105/65.
Dottore, avrei piacere di conoscere un suo parere, in particolare: la pressione è troppo bassa?
Io cerco inutilmente di introdurre sodio nella dieta, ma senza alcun risultato.
Grazie
A.B.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
La sua P.A. non è tanto bassa da essere preoccupante.
Insieme al sodio deve introdurre acqua, almeno 2,5 litri nelle 24h: diversamente non otterrà alcun concreto beneficio.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Ok. E per quanto riguarda la frequenza e l'eventuale pacemaker cosa ne pensa?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Sicuramente se ha necessità di assumere farmaci per tenere sotto controllo tachiaritmie sopraventricolari il pacemaker diventa indispensabile.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Grazie. Saluti.