Utente 416XXX
Due giorni fa ho subito l'asportazione chirurgica di un neo fibromatoso sul palmo della mano , al di sotto del mignolo, circa al centro tra la base del dito e il polso. A distanza di due giorni continua un formicolio che ho attribuito dapprima alla fine dell'effetto dell'anestesia locale. Il formicolio interessa il dito mignolo, in particolare l'ultima falange e tutto il lato esterno. La sensibilità al caldo e al freddo mi pare normale, la mobilità anche. Mi sembra che il senso di intorpidimento si stia espandendo anche verso il polso (lato esterno della mano). E' possibile che l'intervento abbia danneggiato/compresso un nervo? Può essere un effetto della sutura? E' il caso che mi faccia controllare ulteriormente o è solo il normale decorso post operatorio? In passato ho subito un intervento analogo per un neo in posizione identicama sull'altra mano senza alcun sintomo del genere. Grazie per il parere. Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

si, il suo disturbo dipende da un coinvolgimento di un ramo nervoso (nervo ulnare).

Di che tipo e entità mi è impossibile dirlo.

Se si tratta di un fatto lieve e reversibile, tenderà, come è ovvio, a regredire gradualmente entro 7-10 giorni.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 416XXX

Iscritto dal 2016
Innanzitutto grazie per la celere risposta. Secondo la sua esperienza è possibile aspettare ancora qualche giorno per verificare la regressione del problema o è opportuno procedere quanto prima con accertamenti ulteriori per verificarne la causa e l'entità ? In altre parole aspettare può peggiorare la situazione?
Grazie ancora e buona serata.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Aspetti qualche giorno.
[#4] dopo  
Utente 416XXX

Iscritto dal 2016
A distanza di due settimane, il problema rimane, le sensazioni sono diverse, dal torpore iniziale sono passato ad un senso di gonfiore e scottatura a volte avverto vere e proprie fitte dolorose. Non so se questi mutamenti sono indice di una guarigione, ma in generale non mi sembra di notare un vero e proprio miglioramento.
Sabato scorso ho tolto i punti, ho parlato col medico che ha eseguito l'intervento, lui sostiene che alcune terminazioni nervose periferiche possano essere state danneggiate dal taglio, che ci vorrà del tempo (qualche mese) ma che tornerà tutto a posto. E' consigliabile fare qualche esame di approfondimento? C'è qualche farmaco che possa accelerare/favorire la guarigione?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Aspetterei ancora alcune settimane.