Utente 253XXX
Buongiorno Dott.re.

Ho effettuato un controllo con l'ecocardiografia, ed è risultata una dilatazione della radice della aorta di 40 mm, inoltre ho effettuato test da sforzo, holter 24 h ed elettrocardiogramma ed è tutto a posto.
Ma precedentemente ho subito delle devitalizzazioni ai molari che non sono state fatte bene, da cui ho avuto un'infezione prolungata che poi è regredita da sola. Volevo sapere è possibile che questa dilatazione dell'aorta possa essere sopraggiunta a causa dell'infezione dei molari non devitalizzati bene?

Premetto anche che ho sofferto di ipotiroidismo, in quanto ho scoperto di avere un nodulo tiroideo, che ora curo con l'assunzione di tiche da 88 mg al di, ed i valori del TSH si sono normalizzati. Ma all'inizio avevo vari dolori al petto e per questo mi iscrissi in palestra praticando bodybulding con la speranza di stare meglio ma i dolori li avevo sempre.

Purtroppo queste infezioni ai molari le ho avute nello stesso periodo in cui ho scoperto di avere un nodulo tiroideo, e quindi ho tanti dubbi. Secondo lei questa dilatazione della radice aorta può essere dovuta alle infezioni ai molari non devitalizzati bene o all'ipotiroidismo ? Inoltre questa dilatazione è preoccupante dovrà operarmi con il tempo?

Grazie per eventuali chiarimenti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In una persona alta e magra come li si descrive nei dati forniti, l'importante e' escludere una sindrome di Marfan
Questa e' una sindrome genetica che si caratterizza da persone molto alte e magre, con particolare "lassita'" dei legamenti (ha presente i contorsionisti...? beh qualcosa del genere).
Se lei avesse qualche parente diretto che avesse tali caratteristiche sarebbe opportuno eseguire un banale esame del sangue per indagini genetiche.
Eviti in ogni caso sport o fatiche prolungati, controlli che la pressione arteriosa si sempre al di sotto di 120/70 mmHg.
Arrivederci

cecchini