Utente 183XXX
Salve vorrei chiedere una cosa che mi sta preoccupando ,sono stato colto da herpes zoster dietro ala schiena ora e da una settimana che sto soffrendo dolore e fastidi,volevo chiedere ho letto su molti siti che chi viene colpito da questo fuoco di sant,antonio prima dei 40 nni ,io ne ho 34 ha un forrte rischio in futuro di essere colpito da ictus infarto o TIA però non sanno ancora le cause,volevo chiedere se è vero e se posso fare qualcosa per aiutare il cuore grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
non so su che giornaletto abbia letto queste cretinate.
arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Il cuore ha un nemico insospettabile: si chiama Herpes zoster, meglio conosciuto come “fuoco di Sant’Antonio”. E’ una patologia del sistema immunitario che provoca bruciore, bolle sulla pelle e forte prurito. Le conseguenze dell’herpes però non sono soltanto superficiali: un recente studio inglese pubblicato su Plos Medicine, ha dimostrato che ci sono rischi per il cuore, in quanto aumenterebbe il rischio per le persone colpite di contrarre patologie cardiovascolari. Le ragioni restano sconosciute.

A condurre l’indagine alcuni ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine che hanno esaminato un campione di oltre 67 mila persone con più di 65 anni che avevano ricevuto diagnosi di herpes zoster tra il 2006 e il 2011. Al termine di analisi e confronti, gli studiosi hanno riscontrato che quei soggetti colpiti dal fuoco di Sant’Antonio hanno subito anche ictus e infarti, sviluppando dunque più probabilità di andare incontro a problematiche di tipo cardiovascolare. Stando all’ipotesi più accreditata, questo potrebbe essere dovuto all’aumento dell’infiammazione, specialmente a livello vascolare, che è presente in chi manifesta il fuoco di Sant’Antonio. Non è escluso che lo stress e il dolore a esso associati possano contribuire all’innalzamento della pressione arteriosa, fattore di rischio per il cuore.

I pazienti con herpes zoster hanno infatti delle difese più basse e quindi sono maggiormente esposti rispetto a chi non viene colpito dalla patologia del sistema immunitario. I ricercatori al momento non sono in grado di dire quale sia il rapporto causa-effetto, ma un legame tra i due fenomeni sembra esserci. I pazienti esaminati mostravano un rischio più alto per ictus e attacco cardiaco, rispetto al periodo precedente l’infezione. Il rischio diventava ancora più elevato a distanza di una settimana dalla diagnosi di herpes zoster, aumentando rispettivamente di 2 e 4 volte, per poi gradualmente riscendere e tornare, dopo sei mesi, ai valori presenti prima del fuoco di Sant’Antonio.

L’Herpes è causata dallo stesso virus della varicella che può tornare a manifestarsi a distanza di anni e in condizioni di debolezza immunitaria. Nei casi più seri può estendersi anche ai nervi del viso e degli occhi.

Esiste un vaccino contro il virus dell'herpes zoster ma sono tutt’oggi in corso studi per verificare se questo può aiutare a prevenire lo sviluppo e ridurre la gravità dell'infiammazione. E' importante inoltre evitare contatti con le persone già colpite da herpes per scongiurare un possibile contagio.

Se invece l'infiammazione è già in corso è possibile, sulla base di indicazione e prescrizione medica, adottare terapie antivirali, trattamenti topici che interessano direttamente la pelle o tens, ossia stimolazione elettrica transcutanea dei nervi.

Ribadiamo, infine, quanto sia importante prestare attenzione alla salute cardiovascolare da parte di quanti scoprono di avere l’herpes zoster, patologia che colpisce prevalentemente gli ultracinquantenni, 300 mila all’anno soloe in Italia.

ci sono anche tanti altri articoli di molti altri siti percio mi preoccupavo
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
il fatto che sia un giornaletto si puo dedurre dal fatto che al penultimo paragrafo definisce l herpe zooster una ...infiammazione.

detto questo qualsiasi malattia virale , ma anche batterica , essendo una infezone , aumenta gli indici di flogosi ed aumenta il rischio trombotico, se si pensa ad esempio che durante le infezooni aumentano ad esempio sia il fibrinogeno che le piastrine.

Nel suo caso, purtrooppo non c e da fare molto per xio che rigiarda il dolore, se non i farmaci che sicuramente le avranno prescritto

arrivederci

cecchini
[#4] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
si infatti sto facendo la cura con aciclovir e iniezioni di vitamina b12,ok la ringrazio
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
non so su che giornaletto abbia letto queste cretinate.
arrivederci

cecchini