Utente 777XXX
Buongiorno,
mi è stata diagnostico con un ecodoppler un trombo .
questo l'esito dell'esame:
a destra vena safena interna dilatata,non comprimibile,con presenza di trombosi con inizio di ricanalizzazione a livello della coscia dal ginocchio fino a 2 cm prima dello sbocco nella V.F.C.A. livello della gamba la V.S.I. si presenta pervia ,comprimibile,non dilatata,senza segni di trombosi.
Ora il chirurgo a cui mi sono rivolto mi ha prescritto un monocollant di classe 1 e 20 punture di SELEDIE 11.400 UI antiXa/0,6 ml ,e un intervento per legare (suo termine) la safena, o levarla del tutto se risulta troppo dilatata,e una visita in medicina x una serie di esami x cercare di capire da dove sia stato originato questo trombo visto che sino ha ora non o mai avuto nessun genere di disturbo.Ora la mia domanda è questa :Il proff. in medicina che mi ha visitato mi ha detto che secondo lui l'intervento non è necessario,basta una buona terapia conservativa.......
un parere grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Pietrino Forfori
36% attività
16% attualità
16% socialità
SAVONA (SV)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La terapia della trombosi venosa sia essa superficiale o profonda è medica ed elastocompressiva (come correttamente è stato indicato per Lei)
Risolto il fatto contingente, sarà utile uno studio clinico strumentale (ecocolordoppler) volto a valutare lo stato del circolo venoso superficiale e profondo con particolare riguardo alle condizioni della safena oggetto della trombosi attuale.
Solo alla luce dei questi dati si potra porre una indicazione al trattamento dell'eventuale insufficienza venosa che potrà essere:
- chirurgico
- scleroterapico (Foam)
- endolaser
- radiofrequenze
ecc