Utente 421XXX
Buongiorno, ormai da 6 mesi avverto delle fortissime sensazioni di tachicardia. L'episodio è persistente e dura quasi tutto il giorno. Dopo essere finita in ospedale con 145 pulsazioni al minuto, hanno deciso di farmi degli accertamenti. Dopo elettrocardiogramma, ecocardiogramma e analisi del sangue non hanno trovato nulla, e mi hanno consigliato di fare una gastroscopia per una sospetta ernia iatale. Ho prenotato quindi la gastroscopia e ad oggi sto aspettando la visita, nel frattempo ho consultato il mio medico di base che mi ha prescritto un betabloccante e una pastiglia per la digestione. La terapia funzionava per quanto riguarda la tachicardia forte ma spesso durante la giornata il cuore mi tirava dei colpi, venivano scariche improvvise di tachicardia. Consulto così un cardiologo e quest'ultimo mi consiglia di prenotare un holter e di staccare la terapia con i betabloccanti, così da non alterare i risultati dell'holter. Sui risultati dell'holter c'è scritto '' Ritmo sinusale tachicardica FC media 99 bpm. PR corto. Nessuna pausa. Nessuna aritmia. Assenza di alterazioni ST.'' Poi c'è anche scritto che la mia frequenza cardiaca massima in quel giorno è stata di 145 battiti al minuto, la minima 61 e la frequenza cardiaca media 99.. Così consulto nuovamente il mio medico di base che prendendo visione dei risultati dell'holter mi consiglia di riprendere la stessa terapia precedente con beta bloccanti e pastiglia per digerire in attesa della gastroscopia. Ormai sono Cir a 9 giorni che assumo betabloccante., per i primi 3 giorni funzionava, i battiti troppo forti erano spariti, riuscivo a dormire la notte e sembrava passato il disturbo. Ahimè dopo quei tre giorni neanche più il betabloccante funzionava, nonostante la pastiglia la.mia frequenza cardiaca oscilla dagli 85 ai 113. Aumenta quando digerisco e quando faccio le scale. Sono sempre stanca, mi è diventato impossibile praticare qualsiasi tipo di attività fisica perché mi fa stare male e inoltre perecepisce sempre una sensazione di pressione alla gola, sembra che le due arterie grosse della gola mi stiano per esplodere. Ho sentito il mio medico di base al telefono e gli ho spiegato che la tachicardia nonostante la terapia è tornata, e mi ha consigliato di prendere la pastiglia intera invece che mezza pastiglia come di consueto. Ho 23 anni e ho la pressione un po' bassa sono un po' intimidire da questa pastiglia e ho paura di prendere la dose massima alla mia età. Volevo chiederle potéva avere un idea della mia diagnosi e come curare il mio disturbo. Grazie. SALUTI

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Mi scusi, ma che farmaco sta assumendo? Mezza compressa di....?

cecchini
[#2] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Tenormin 100 mg atenolo e per digerire Domperidone Teva 10 mg
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non concordo assolutamente nel prescrivere l'atenololo a quel dosaggio in una persona cosi' giovane per motivi cosi' banali.
Se ha escluso un'anemia, un ipertiroidismo e se non assume altri farmaci (broncodilatatori ad esempio) e se, come spero non fuma, la causa e' molto probabilmente l'ansia, e in tal caso sarebbe meglio curare quella prima di dare farmaci.
Compreso il Domperidone che può' indurre aritmie, tra l'altro.

Arrivederci
cecchini
[#4] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Quindi la pastiglia intera è meglio se la evito? Da piccola soffrivo d'ansia ma non sono davvero mai stata male a questi livelli. Dimenticavo di dirle che al pronto soccorso mi hanno somministrato un ansiolitico, ma la tachicardia forte non è passata.. per quello ho il dubbio che si tratti di ansia..e già come cura prendevo ansiolitici, ma la tachicardia non passava.. per quello mi sono rivolta ad un medico.. per quanto riguarda la gastroscopia e la sospetta ernia iatale? Può essere questa un'ipotetica causa del mio disturbo?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Signorina mia, lei ha 23 anni, e sta agia assumendo beta bloccanti, pensa ad ansiolitici, prospettando una gastroscopia... ma quando avrà' 40 anni cosa programmerà', un autopsia?
Ma santo cielo benedetto ma non potete avere banali tachicardie come tutti noi mortali o pensate di essere diversi dagli altri.
E santo cielo basta con gli isterismi..
Vada in giro a trovare un ragazzo che le faccia batter il cuore per qualcosa di serio, o almeno di divertente.

La saluto

cecchini