Utente 423XXX
Un mio familiare (donna 70 anni, in cura con eutirox 125 e da 6 mesi sottoposta a sostituzione valvola aortica) tra le altre cose assumeva Lopresor. Durante un recente ricovero per altri disturbi, era sottoposta all'esame della pressione giornaliero e verificando che la minima non superava mai i 50-55 non veniva sommonistrato tale farmaco. Una volta a casa il dottore che l'ha visitata ci ha detto che al momento della misurazione della pressione bisogna prendere come riferimento non tanto la minima quanto bens'ì il valore dei battiti e somministrare mezza o 1 pillola a seconda se superi i 60 o i 70 battiti di frequenza (pur rimandendo la minima tra i valori di 50-55). In linea generale l'indicazione del medico curante è esatta o è preferibile seguire quanto avveniva in ospedale (si faceva riferimento solo alla minima per dedicedere se somministrare o meno il lopresor?) Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il lopresor e' un beta bloccante e dipende molto per quale motivo viene prescritto.
Se e' per il controllo pressorio ovviamente ci si basa in base ai valori sia della sistolica che della diastolica (minima).
Se invece fosse impiegato per il controllo della frequenza sarebbe preferibile impiegare altri beta bloccanti, tenendo conto dell'eta' non giovanissima della paziente (tipo bisoprololo o propanololo, o sotalolo...)

Arrivederci

cecchini