Utente 280XXX
l'anno scorso mi fu riconosciuta invalidità civile al 60 percento e quest'anno la clinica del lavoro mi ha proposto all'aggravamento che mi ha confermato ancora 60 percento. sento dire che 60 è massima percentuale invalidità per chi lavora. ma che significato avrebbe l'aggravamento che conferma la stessa percentuale? e avrebbero senso altri aggravamenti fermo restando il 60?
[#1] dopo  
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli
24% attività
8% attualità
8% socialità
CINISELLO BALSAMO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Buon giorno, non é vero che chi lavora può avere una percentuale di invalidità solo del 60%, ci sono casi in cui pur lavorando la invalidità viene riconosciuta fino al 100%.
Dai fatti che lei riporta, sembra semplicemente che la Commissione non le abbia riconosciuto alcun a aggravamento. La strada non è quella quindi di chiedere un nuovo aggravamento che sarebbe di nuovo non riconosciuto, ma caso mai di valutare la possibilità di fare ricorso contro il parere della Commissione. A questo proposito valuti la possibilità di ricorrere ad un patronato sindacale, avvalendosi della collaborazione della Clinica del lavoro che quell'aggravamento aveva riconosciuto.
[#2] dopo  
Utente 280XXX

Iscritto dal 2012
il call center inps mi dice che il ricorso è inutile in quanto manca la materia del contendere in fatto monetario. avere 60 piuttosto che 65 percento è irrilevante per inps, ma altrettanto irrilevante era riconoscermi una maggior percentuale simbolica senza che avessi alcun beneficio monetario. sempre il call center mi ha detto che è prassi che i medici del lavoro sono generosi in fatto di percentuale invalidità civile ma l'inps, specie se non emergono nuove patologie, respingono gli aggravamenti. il ricorso prevede necessariamente avvocato e nessun patronato me lo fa gratis senza almeno rimborso spese.